Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Valenza

Teatro per crescere: un laboratorio per ragazzi con Daniel Gol

Da giovedì 9 marzo al Teatro Sociale un laboratorio pomeridiano settimanale rivolto ai giovani dai 14 ai 19 anni, gratuito grazie al finanziamento della Fondazione Social
VALENZA - In una fase come quella che stiamo vivendo, dove la mancanza di risorse pesa anche sulla possibilità di fornire opportunità e stimoli validi ai giovani, istituzioni e realtà associative sono chiamate a inventarsi strumenti nuovi e strategie per superare tali mancanze, poiché la società ha il compito di nutrire e sostenere la crescita dei giovani e la loro capacità di espressione di sé.  La Fondazione Social, il comune di Valenza e l’Associazione Teatrodistinto, ciascuno con i propri strumenti, hanno collaborato per la creazione di un progetto, Teatro per crescere, che agisce in questa direzione, proponendo un laboratorio pomeridiano settimanale, rivolto a giovani dai 14 ai 19 anni, che verrà realizzato a partire da giovedì 9 marzo al Teatro Sociale. Il laboratorio sarà gratuito grazie al finanziamento della Fondazione Social.

Teatro per crescere viene sostenuto e divulgato dal comune, dal centro di aggregazione dei giovani e realizzato da Daniel Gol, che da 15 anni realizza laboratori rivolti a giovani e adulti all’interno di scuole e associazioni di livello molto alto, capaci di creare empatia e condivisione nei gruppi di lavoro, e di far emergere l’emotività più profonda di partecipanti giovani e meno giovani. Teatro per crescere propone infatti un viaggio per incontrare gli altri e sé stessi attraverso il gioco del teatro alla ricerca dei canali con cui possiamo comunicare e conoscere. La voce, il corpo, la parola, l’emozione Attraverso l’utilizzo dell’immaginazione e della creatività si impara a raccontarsi e giocare con le emozioni più forti.  Un lavoro grazie al quale limiti, difetti e paure sono una ricchezza, un punto di partenza. Uno spazio libero da qualsiasi giudizio dove le storie più silenziose, le sensazioni più scomode sono un bagaglio prezioso con cui mettersi in cammino.

Esercizi di gruppo, a coppie, singoli accompagnano la ricerca della propria voce e della libertà di farla uscire, fuori dagli schemi e dai ruoli quotidiani.  Si lavora per superare la timidezza e i silenzi cui la paura costringe.

Per informazioni e prenotazioni 338-8417382.
Daniel Gol si avvicina al mondo del teatro all’età di 9 anni, frequentando il Centro Teatro Attivo di Milano, diretto da Nicoletta Ramorino. Dopo il diploma in lingue, si trasferisce a Los Angeles, dove frequenta il corso di Arti Drammatiche al Santa Monica College, e successivamente l’istituto Lee Strasberg. Inizia a collaborare con la compagnia della poliedrica performer Rachel Rosenthal. Rientra in Europa e lavora con la compagnia di teatro fisico francese Theatre Diagonale.

Nel 2003 fonda, con Laura Marchegiani, l’Associazione Teatrodistinto, realizzando numerosi progetti di formazione all’interno di centri artistici e centri per disabili, case di detenzione e teatri stabili di produzione in Italia. Molto intensa l’attività di formazione all’interno delle scuole, dalle materne alle superiori, in provincia di Alessandria e Milano, con la realizzazione di progetti differenti e vari, che spaziano da un primo approccio all’emotività, all’approfondimento del conflitto, dalla realizzazione di spettacoli con tematiche scelte, alla sperimentazione di punti di contatto tra giovani e altre realtà (anziani, adulti, disabili)

A partire dal 2006 produce spettacoli per giovani spettatori e famiglie, tra cui La pecora nera, Kish Kush, Il gioco del lupo, Compagni di banco, Racconti d’amore in punta di piedi, La guastafeste, ottenendo diversi premi a festival italiani ed internazionali. Gli spettacoli vengono programmati in Italia, Francia, Spagna, Svizzera, Belgio, Olanda, Inghilterra, Germania, Norvegia, Svezia, Finlandia, Polonia, Russia, Cina, Giappone, Korea, Iran, Stati Uniti.
23/02/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Sentiero 413: sul Monte Pracaban partendo dalle Capanne di Marcarolo
Sentiero 413: sul Monte Pracaban partendo dalle Capanne di Marcarolo
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione