Vota il video:  
  (Clicca su una stella per dare un voto da 1 a 5)

 
     
blog comments powered by Disqus

I migranti pitturano le ringhiere di Bosco Pelato

Info - Dopo Coloriamo i giardini Lamboglia, anche a Bosco Pelato, a San Fruttuoso, i richiedenti asilo ridipingono le ringhiere. Mani volenterose di chi non vuole stare senza fare nulla, ma che hanno voglia di rendersi utili, per la comunità e per se stessi. Sono le mani dei tre ragazzi richiedenti asilo che arrivano dalla Nigeria e sono ospitati nel Centro di accoglienza dell’Opera Don Orione in via Berghini, ai Camaldoli, e gestiti dallo stessa Opera Don Orione e dalla cooperativa Dono. Armati di pennelli, pitture e carta vetrata, stanno ridando colore alla ringhiera di Bosco Pelato, sopra piazza Solari grazie a una convenzione con il Municipio della Bassa Valbisagno, che, per favorire l'integrazione, sottolinea Massimo Ferrante, il presidente: «È un lavoro che prevede il coinvolgimento anche dei volontari che si stanno prendendo cura dell'area, in questo caso gli Amici di Bosco pelato, che da maggio si stanno occupando di aiuole e decoro dello spazio». Intanto in via Berghini i ragazzi convivono insieme ad altri 24 richiedenti asilo da un anno e mezzo circa e da quando la casa ospita migranti, cioè dal 2014, non c’è mai stato nessun problema con i residenti, anzi: «Le persone che  hanno avuto modo di incrociarli sull'autobus che porta verso il centro cittadino - racconta Stefano Ghinatti della Cooperativa Dono - dicono che sono molto gentili e che si comportano bene». Un'integrazione che possiamo considerare «positiva». (videoservizio di Rosangela Urso)

Data - 20/10/2017

Autore - Alessandrianews

Tags