Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Calcio

Una manita sul campionato

L'Alessandria vince per 5-1 la partita casalinga contro il Milazzo e raggiunge la prima posizione in classifica in coabitazione con Savona e Renate
Cinque gol, un saluto a mano aperta al campionato. L'Alessandria vince alla grandissima in casa contro il Milazzo e raggiunge il Savona in testa alla classifica. Una partita in cui gli uomini di Cusatis hanno sfornato una prestazione maiuscola partendo fortissimo e non sbagliando quasi nulla.
Al di là delle caos societario, il Milazzo si è dimostrato quella squadra tosta che ha saputo mettere in difficoltà diverse avversarie. Anche al Moccagatta non si è smentita, facendo per alcuni momenti paura al popolo grigio con il gol capolavoro di Mignogna. I siciliani hanno lottato provando a mettere in difficoltà gli avversari, ma nulla hanno potuto contro una squadra che andava a velocità superiore e non ha ceduto fino all'ultimo in nessuna zona del campo. I Grigi hanno dimostrato una personalità matura e una consapevolezza nei propri mezzi anche nei momenti più delicati della partita. Di certo sono stati favoriti dal giocare in superiorità numerica tutto il secondo tempo. Non vedere però il pallone mai buttato in avanti con azioni manovrate palla a terra a partire dalla difesa, fin dal primo minuto, sono un segno di quanto i dettami del mister stiano entrando sempre più nella testa di tutti e di quanto la posizione e il movimento d'insieme siano ottimali permettendo di trovare in ogni occasione una compagno smarcato. Il risultato rotondo è frutto di questi meccanismi che con l'andare delle giornate sono sempre più oliati e funzionanti. L'obiettivo di migliorarsi deve essere costante e venire mai meno, per questa Alessandria si può iniziare però a parlare come di una realtà solida a matura.

Neanche il tempo di iniziare e i padroni di casa sono subito in vantaggio. Una settimana fa con il Santarcangelo ci erano voluti 4 minuti, contro il Milazzo solo 3. Dai e vai tra Degano e Mora su calcio d'angolo, il fantasista crossa in mezzo liscio difensivo e Viviani al ritorno da titolare può tranquillamente metterla dentro di piatto. Dopo 10 minuti i siciliani riescono a trovare il pareggio al primo tiro in porta. Grande azione personale di Mignogna che dalla destra si accentra e fa partire un gran tiro che si infila dritto all'incrocio. L'Alessandria non ci sta e si butta subito avanti e al 18' ritrova il vantaggio. Ancora sugli sviluppi di un angolo, Roselli recupera un rimpallo al limite dell'area e tira in porta, deviazione in mischia di Rossi che fa 2-1. Inizio scoppiettante. Al 30' Mignogna prova un'azione fotocopia a quella del gol, ma non riesce a trovare la traiettoria perfetta questa volta. Al 44' Fanucchi scappa bene sulla sinistra e mette in mezzo per Degano che va a botta sicuro, Cancelloni però si immola e salva. Al 45' Mignogna si fa buttare fuori stupidamente. Cade in area e reclama il rigore, l'arbitro lascia correre e l'attaccante siciliano si mette a litigare con Cammaroto accennando una testata. Secondo giallo per lui e partita finita. Il Milazzo perde il suo uomo più pericoloso.

La ripresa inizia su ritmi decisamente più blandi. L'Alessandria fa girare palla con tranquillità e controlla in totale scioltezza. Non cambia però la velocità di realizzazione. Al 4', ancora su calcio d'angolo, Degano crossa sul secondo palo per Mora, il centrocampista fa sponda per Cammaroto che in corsa la mette nell'angolino basso. Al minuto 16 Degano parte in contropiede, palla filtrante per Rossi che la ridà al fantasista, colpo di testa e quarta rete per i Grigi. Dopo due minuti Evola prova ad accorciare con una botta da lontano e chiamando Servili alla sua unica vera parata della giornata. A provare con più insistenza è Fanucchi che dopo due buone occasioni mette a segno la terza nel recupero. Su lancio del solito Degano, erroraccio di un difensore che svirgola e lascia solo Fanucchi davanti a Previti. Tocco sotto dell'attaccante, palla in rete e chiusura tra gli applausi della Curva Nord.

ALESSANDRIA-MILAZZO 5-1 (2-1)
Reti:
3' Viviani (A), 13' Mignogna (M), 18' Rossi (A), 49' Cammaroto (A) 61' Degano (A), 90'+2 Fanucchi (A)
ALESSANDRIA (4-3-1-2): Servili, Gambaretti. Boron, Cammaroto, Viviani; Roselli, Mora (76' Filiciotto), Caciagli (67' Tanaglia); Degano; Fanucchi, Rossi (67' Bianchi). A disposizione: Pavanello, Barbagli, Bertocchi, Ferretti.
Allenatore: Cusatis
MILAZZO (4-4-2): Previti, Bizzarri, Campanella, Campanaro, Cancelloni, Petrucci, Mignogna, Evola, Cartone (50' Calcagno), Lewandoski (50' Mancini), D'Amico (54' Dama). A disposizione: Ricci, Bellich, Simonetti, Pergolizzi
Allenatore: La Spada
Arbitro: Ceccarelli di Rimini (Tamburini, Gentilini)
Ammoniti: Fanucchi (A), Mignogna (M), D'Amico (M), Petrucci (M), Cancelloni (M)
Espulsi: Migogna (M) per doppia ammonizione
Note: cielo coperto, campo in buone condizioni, angoli:6-4, recupero: 2' 1T, 3' 2T. Spettatori: 880 paganti, 437 abbonati.

L'immagine è di Mario Coscarella (http://www.webalice.it/mario_coscarella)
 
30/09/2012

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook