Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Terza Categoria - girone A

Serravallese bella a metà, l'Aurora si riscatta nella ripresa

Dopo le tre reti con cui si va al riposo, i biancorossi calano nella ripresa innervosendo mister Talarico. Promozione più vicina al fischio finale

SERRAVALLE SCRIVIA - La grinta di mister Talarico a fine partita dimostra con quanta intensità la Serravallese voglia chiudere il prima possibile questo campionato: "Un buon primo tempo, ma non basta. Sul 3-0 abbiamo smesso di giocare a pallone e se abbiamo degli obbiettivi importanti non è così che dobbiamo fare. Sono molto arrabbiato con la squadra.” Parole dure ma comprensibili per l'allenatore che ha seguito la gara dalla tribuna dovendo scontare una giornata di squalifica, e che danno bene l'idea di come sia andata la partita: da una situazione di virtuale tranquillità dopo il primo tempo, i biancorossi hanno lasciato troppi spazi agli avversari nella ripresa. Nonostante la sconfitta, non sfigura quindi l'Aurora che, portando in campo delle ottime individualità e qualche idea di gioco, nella ripresa riscatta parzialmente il brutto primo tempo in cui il divario tecnico fra le due squadre si è fatto troppo sentire. "La partita si è sbloccata subito con un gran gol loro – commenta mister Delfino dell'Aurora – e per noi è stata una doccia fredda. Abbiamo avuto un piccolo sbandamento e in pochi minuti abbiamo preso anche un secondo gol da polli. Il primo tempo se lo sono strameritato, hanno giocato meglio. Nel secondo tempo abbiamo fatto la nostra partita come dovevamo fare già dall'inizio; penso che siamo riusciti a far vedere cose buone anche noi, al di là del bel gol di Di Benedetto. Il 3-1 sorride a loro, ma io ho visto due grandi squadre in campo".

La partita è sostanzialmente già in ghiaccio dopo 10' nel primo tempo per la Serravallese, che sorprende gli avversari andando in doppio vantaggio in poco tempo. Ad aprire le marcature è Lerma che, al 3', mette in porta una gran rasoiata che dal limite sinistro dell'area si insacca a fil di palo dal lato opposto. Al 7', invece, è Vigo a siglare il 2-0, ancora grazie ad un tiro dalla lunga distanza che Rosina non trattiene. La superiorità serravallese è abbastanza netta nei primi 45' minuti e Lerma al 34' ne approfitta per arrotondare ulteriormente il risultato quando, al 34', mette a segno la sua doppietta personale in contropiede lanciato da Cammarota.

Il secondo tempo non ha molto da dire: la Serravallese tira decisamente il freno a mano per i primi 15' minuti della ripresa, lasciando la stragrande maggioranza dei palloni all'Aurora che, proprio al quarto d'ora segna il gol della bandiera. Ad andare in rete è Di Benedetto che sfrutta un'eccessiva leziosità in fase difensiva dei padroni di casa e ruba un pallone al limite dell'area, trasformandolo in un pregevolissimo tiro a giro che batte Confetti. Dopo il gol la Serravallese si rianima, scossa dal capitano Federico Vigo, ma oltre a riportarsi in vantaggio nella statistica del possesso palla propone ben poco, limitandosi a concludere la partita sul 3-1, continuando così la propria marcia verso una promozione che sembra ormai sempre più vicina.


SERRAVALLESE – AURORA PONTECURONE 3-1
Reti: pt. Lemma 3', 34', Vigo A. 7'; st. Di Benedetto 15'

Serravallese (4-3-3):
Confetti 6, Vigo F. 6, Raddavero 5,5, Bisio 6, Valentino 6, Riad 5,5 (8' st. Traverso 5,5), Vigo A. 6,5, La Neve 6, Cammarota 6,5, Lemma 7,5 (18' st. Guercia 6), Talarico 6. A disp.: Massone, Menin, Vecchi, Porcu, Pellegrino. All.: n.a.

Aurora Pontecurone (4-4-2): Rosina 5, Picchi 6, Stella 6,5, Usala 5,5, Pinto 6, Di Benedetto 6,5, Belhaj 6,5, Odino 6 (33' st. Zago n.g.), Dellahi 5,5, Belba 5, Muratori 5,5 (30' st. Linza n.g.). A disp.: Maione, Pellini. All.: Delfino

Arbitro: Bogris di Alessandria 6,5

Note: ammoniti: Valentino, Traverso, Usala, Pinto. Calci d'angolo 3-3. Recupero: 1' pt. + 3' st.

 

30/03/2015
Mimosa Magnani - sport@alessandrianews.it

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook