Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Randonne: Ovada attende l'invasione dei ciclisti

Domenica prossima la quinta edizione della manifestazione per amatori organizzata da U Cycling Team. Si punta a superare la quota 400 del 2017. Tre percorsi da 50, 130 e 200 chilometri

 OVADA - “Non è una gara”. E’ categorico Enrico Ravera nel descrivere la manifestazione creata dalla società che presiede. E’ scattato il conto alla rovescia per la quinta edizione di “Ovada in Randonnèe”, un modo diverso di vivere la bicicletta con passione e un occhio che va oltre l’agonismo puro. Per domenica prossima, 7 ottobre con la regia di Uà Cycling Team, sono attesi più di 400 appassionati, la gran parte proveniente dal nord Italia, per il tracciato lungo da 200 chilometri che abbraccia le provincie di Alessandria, Genova e Savona, mostrandone gli scorci più gradevoli. “Abbiamo iniziato – racconta proprio Ravera – cinque anni fa perché ci sembrava che questa formula fosse vicina allo spirito della nostra società. Siamo cresciuti ed abbiamo creato un format che in diversi hanno provato a copiare. Accanto alla randonnèe vera e propria saranno disponibili due percorsi da 50 e 130 chilometri. La prescrizione è una: non andare oltre ai 30 chilometri all’ora”. Chi concluderà i 200 chilometri, transitando dai punti di controllo dislocati sulla strada, potrà fregiarsi del brevetto in arrivo dall’Audax Randonneur Mondieaux di Parigi. “Il percorso – racconta Massimiliano Malaspina che l’ha disegnato – ripropone alcuni punti già presenti nelle passate edizioni. Ci sono il passo del Termo, il Faiallo, il Turchino e le Capanne d Marcarolo. Chi negli anni passati ha partecipato si è stupito della bellezza di queste strade. Ci sono anche un paio di novità. Complessivamente nove salite, alcune con pendenze massime significative tra il 10 e il 13%”. “Mi piace molto la manifestazione – ha commentato il sindaco di Ovada, Paolo Lantero – per il tipo di attività sportiva che propone, non solo agonismo ma anche la possibilità di fermarsi, guardarsi attorno, misurarsi sulle proprie possibilità. E’ anche un ottimo strumento di promozione del territorio”. Per tutta la giornata nel campo base di piazza XX Settembre sarà allestito anche uno stand dell’Enoteca Regionale di Ovada con degustazione di vini locali. Per i più piccoli della scuola di ciclismo ovadese circuito e prove di abilità con gli istruttori.  
30/09/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook