Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Calcio

Padania Campione d'Europa Conifa; 4-1 alla Contea di Nizza

In rete anche Rosset al 30' del primo tempo. Nella ripresa una rissa costringe l'arbitro a sospendere il match per circa 10'.
DEBRECEN - La selezione padana è Campione d'Europa Conifa. I biancoverdi (nella cui rosa figurano molti giocatori protagonisti dei vari campionati dilettantistici piemontesi) hanno conquistato l'ambito titolo superando in finale a Debrecen, con il nettissimo punteggio di 4-1, la Contea di Nizza. Fra i motivi di interesse della sfida c'era anche il sapore della rivincita; infatti, i temuti nizzardi (nell'undici titolare milita anche Mansour Assoumani, 32 anni e oltre 70 presenze in Ligue 1 col Montpellier) erano stati l'ultima squadra a battere i padani (ai Quarti di Finale dei Mondiali di Ostersund) e sono giunti alla rassegna ungherese come Campioni del Mondo Conifa in carica.

In campo però c'è stata partita soltanto nella prima mezzora. I biancoverdi hanno sofferto, ma quando Tignonsini ha sbloccato il risultato, al 20', girando in rete un calcio d'angolo è stato chiaro che da lì in poi tutto sarebbe stato più facile. Al 30' arriva il raddoppio di Rosset, che trasforma un rigore concesso per netto fallo su De Peralta, che porta anche all'espulsione di un difensore della Contea, e prima dell'intervallo Prandelli, grande protagonista di questo Europeo, sigla il 3-0.

Al 3' della ripresa, De Peralta, smarcato da Rosset, con un tocco di precisione mette la firma sul 4-0. Sembra tutto finito, ma i nizzardi non ci stanno, e il gioco si fa spigoloso, fino all'esplodere di una rissa, che costringe l'arbitro a fermare la partita per dieci minuti. Quando il gioco riprende, la Contea mette a segno il gol della bandiera, ma da quel momento in poi c'è tempo solo per il conto alla rovescia dei padani

Il cammino della Padania era iniziato giovedì 18 giugno, con un piccolo "classico", la sfida alla Terra dei Rom, che i biancoverdi avevano vinto 3-2 non senza sudare, e dovendo anche rimontare un gol a freddo, subito al 2' del primo tempo. La rete di Tignonsini al 45' del primo tempo e i due centri di Garavelli (10') e Rota (44') nella ripresa hanno confezionato la preziosa vittoria che è servita a rompere il ghiaccio e a dare al gruppo il giusto slancio per la seconda gara del girone, giocata il giorno seguente contro l'Ellan Vanin (Isola di Man), finalista all'ultimo Mondiale Conifa. Altra vittoria di misura, per 1-0, con un gran colpo di testa di Matteo Prandelli. In un Europeo caratterizzato da partite a cadenza giornaliera, la formazione di Merlo ha stupito per tenuta fisica e atletica, superando nella semifinale di sabato 20 giugno l'Alta Ungheria, con un 5-0 perentorio, firmato ancora da Prandelli, e quindi da Mazzotti, De Peralta, Valente e Enock Barwuah. Si arriva così alla finalissima, al Gabor Ut di Debrecen, e al trionfo finale. La Coppa Europa Conifa è padana.

La rosa del team Padania:

Portieri: Grittini, Dell'Omo; Difensori: Tignonsini, Morabito, Camussi, Stati, Magnè, Mazzocca. Centrocampisti: Rota, Ferri, Mosti, Pizzolla, Mazzotti, Garavelli. Attaccanti: Innocenti, Prandelli, Russo, Enoh Balotelli Barwuah, Valente, De Peralta. All.: Arturo Merlo

 

 
22/06/2015
Moreno Mariotti - sport@alessandrianews.it

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook