Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Rugby

Monferrato Rugby: riparte la preparazione dei cadetti, "dobbiamo toglierci tanti sassolini"

Il campionato riprenderà il prossimo 20 gennaio, intanto ricominciano gli allenamenti dei ragazzi di coach Rossini: “Siamo una squadra che ha un sacco di sassolini da togliersi. Unico neo è la scarsa presenza agli allenamenti"
RUGBY - Nel campionato di Serie C2 i cadetti ripartono dopo aver battuto le prime due della classe. Nessuna delle due ne ha approfittato facendo riaprire tutto il campionato. Il Monferrato Rugby Cadetta penultimo aveva fermato il Golfo dei Poeti 12-0; il Lions Tortona grazie al 12-5 ha evitato il sorpasso in classifica del RC Spezia lasciandolo secondo.

Il campionato riprenderà il prossimo 20 gennaio, nel frattempo il Coach dei Leoni Marco Rossini (foto in basso) fa un punto della situazione in merito al cammino della squadra Cadetta del Monferrato. “La squadra ha iniziato la stagione con un numero maggiore di atleti rispetto all’anno passato anche se la qualità è scesa notevolmente. Oltre a questo, già a settembre, tre atleti son stati chiesti dalla prima squadra e questo fa piacere ma crea non pochi grattacapi” la premessa del tecnico, che aggiunge: “Il campionato era iniziato con molte difficoltà, ma fino alla terza giornata la Cadetta era in corsa per un posto ai piani alti della classifica, ma quando nella trasferta a La Spezia, si son perse due pedine importantissime - è stata espulsa la nostra giovane apertura per tre giornate - questo ha compromesso il cammino, demoralizzato la truppa e incamerato sconfitte”. Mentre i ragazzi andavano nel panico, l’esperienza dello staff tecnico (lo stesso Rossini e Maurizio Perin) maturava la convinzione di essere in risalita.

“In allenamento i ragazzi rispondevano bene, e cresceva il tasso tecnico. La partita che ha segnato la svolta è stata quella persa con il Tortona" spiega ancora Rossini, "da lì la risalita è stata continua, battendo in amichevole una squadra di C1, poi perdendo di pochissimo contro il Recco ma con una prestazione finalmente vivace e infine battendo la capolista nell’ultimo impegno di campionato con un’ottima prestazione”.

Riprende adesso la preparazione in vista dell’ultima parte di campionato, dove la Cadetta non ha più niente da dire, se non provare a se stessa e agli avversari che c’è. “Siamo una squadra che ha un sacco di sassolini da togliersi. Unico neo è la scarsa presenza agli allenamenti, il nocciolo della squadra è di 11-13 presenze fisse. Questo fa sì che se succede qualcosa di strano, in un attimo arriviamo a 7-8 presenze in allenamento, ed è impossibile preparare una partita con questi numeri. Tutto ciò che si può fare è innalzare il tasso tecnico dei singoli” conclude Rossini.
8/01/2019

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook