Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Memorial Farina: successo degli Amici di Stefano tra sport e solidarietà

Tra gli ospiti dell'evento, organizzato e promosso da Andrea Oddone, anche Davide Ghersini - arbitro della Commissione Arbitri Nazionale di serie B - e Giorgio Schenone. Donato un defibrillatore alla Servizi Sportivi.
OVADA - Il verdetto finale del campo è stato severo, rigido, forse anche sin troppo, proprio com'era Stefano Farina. Così l'ha ricordato il direttore di Tuttosport, Ivan Zazzaroni, pochi giorni dopo la sua scomparsa, nel mese di maggio del 2017. Una frase citata anche l'altra sera, durante il Memorial disputato al Geirino, con un confronto tra gli "Amici di Stefano" e gli Arbitri della sezione di Novi Ligure. I primi, passati in svantaggio dopo pochi minuti, hanno saputo ribaltare il risultato, fino al 4 a 1 finale che ha di fatto concluso le ostilità anzitempo. Tante le persone che hanno condiviso alcune esperienze con il compianto arbitro ovadese, e che si sono destreggiate all'interno del rettangolo di gioco di strada Grillano, anche solo per pochi minuti, per rendere omaggio al noto fischietto ed ex responsabile della Commissione Arbitri Nazionale di Serie B.

Giulio Maffieri, storico allenatore dell'Ovada Calcio, a 78 anni si è concesso il lusso di disputare una parte del primo e del secondo tempo (35 minuti circa per ciascuna delle due frazioni), per poi ricordare, commosso: "Stefano è cresciuto con me. Gli avevo trovato anche la posizione, da libero". Poi, secondo i racconti dei presenti, la società scelse di cederlo in prestito alla Campese, mentre lui rifiutò e decise di iniziare la carriera da arbitro presso la sezione novese. "Fu la sua fortuna". Tra gli ospiti dell'evento, organizzato e promosso da Andrea Oddone, anche il sindaco Paolo Lantero, il consigliere comunale con delega allo sport, Fabio Poggio (che ha premiato i vincitori), i genovesi Davide Ghersini - arbitro della Can (Commissione Arbitri Nazionale) di serie B - e Giorgio Schenone, assistente di serie A. Un centinaio di ovadesi ha poi applaudito la sorella Roberta, che ha consegnato un defibrillatore al Consorzio Servizi Sportivi - "Sperando di non doverlo mai utilizzare" -, mentre il ricavato sarà donato all'associazione contro il cancro di Genova.
30/08/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook