Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Sport

La Barbera: “Sbagliato escludermi dalle Paralimpiadi: ma mi rifarò”

Mentre sta per prendere il via la kermesse sportiva londinese, l’atleta alessandrino è molto critico con le scelte della Federazione, ma guarda avanti: “nel 2013 due appuntamenti importanti, in Francia e a Torino: parleranno i risultati”
“Se non sono a Londra è sicuramente per una scelta di tipo politico, e non basata sui valori sportivi. Questo mi amareggia enormemente, ma chi mi conosce bene sa che non mi arrendo facilmente”. Roberto La Barbera, atleta alessandrino da tanti anni sulla scena dello sport nazionale e internazionale, le Paralimpiadi britanniche in partenza in questi giorni le guarderà in tv. “Non le guarderò proprio in realtà – precisa – perché mi farebbe troppo male, e so già che i prossimi per me saranno giorni difficili. Anche se naturalmente auguro ai miei compagni della nazionale italiana la miglior fortuna possibile”. E’ certamente amareggiato, La Barbera, e non cerca assolutamente di nasconderlo: “i tecnici della Federazione sanno benissimo, perché mi hanno seguito a lungo, che sono in condizioni di forma ottimali, e i risultati ottenuti nelle due settimane di gare di fine luglio erano più che sufficienti per portarmi a Londra. Ha prevalso una logica diversa, e io quando me l’hanno comunicato me ne sono andato, perché non so per quanto mi sarei controllato”. Una ferita che fa male, questa esclusione da quella che sarebbe stata per La Barbera la quarta paralimpiade consecutiva, dopo Sidney, Atene e Pechino.

Ed è difficile pensare che nella decisione della Federazione non abbia pesato la lunga squalifica per doping  a lungo contestata da La Barbera, e poi comunque completamente scontata. Ma, a 45 anni, “il Barbaro” non ha nessuna intenzione di gettare la spugna, e sfodera la consueta grinta: “sono riuscito a venir fuori da due anni di inattività forzata, in cui potevo solo allenarmi ma non gareggiare. Non mi fermerò certo ora, considerato che il fisico risponde al meglio: mi spiace solo di aver perso, oltre alle Paralimpiadi, anche gli Europei Master normodati che si sono svolti nelle scorse settimane. Ma guardo avanti: parteciperò a tutte le gare possibili, a partire già da settembre, e l’obiettivo è arrivare, più forte e determinato che mai, ai due appuntamenti del 2013, che sono i Mondiali di Francia e i Mondiali Master di Torino. E le Paralimpiadi brasiliane del 2016? Capitolo chiuso? “Sicuramente no – ribadisce La Barbera – anche se ormai ho imparato ad avere un orizzonte temporale più limitato: progetto la mia attività agonistica su base annuale, e saranno i risultati a dire se sono ancora competitivo o meno. Sono certo che chi ha fatto certe scelte e mi ha trattato nel modo che tutti hanno constatato dovrà ricredersi”.
29/08/2012

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook