Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Sport

ItalytoHolland: da Alessandria a Metz, le prime due settimane di viaggio...

Gianluca Bombara ci racconta le prime due settimane di viaggio, da Alessandria a Metz. Nelle ultime ora il cicloturista alessandrino ha varcato il confine con il Belgio
SPORT - Da lunedì 18 aprile sono passate ormai più di due settimane. I km lasciati alle spalle sono già parecchi e abbiamo assaporato le prime soddisfazioni, e qualche disavventura, del tour “Italy to Holland – due ruote per l’Europa”. Ripercorriamo velocemente le tappe principali:

Siamo partiti da Alessandria, in particolare da Piazza della Gambarina, sede del Museo Etnografico “C’era una volta” e custode del nostro passato più recente. La scelta di questo luogo come punto di partenza non è casuale: il viaggio di Bikylife, non è solo un modo per poter visitare i nuovi e suggestivi paesaggi, a questo obiettivo si aggiunge anche la volontà di esportare la nostra cultura, in particolare quella piemontese, e lo scambio con le tradizioni d’Oltralpe.

Le prime due tappe sono tutte italiane: Novara e Como. Città ricche di incontri e paesaggi mozzafiato! E poi…ciao Italia!! Ci addentriamo nel territorio svizzero, dove incontriamo le prime fatiche dovute all'altimetria delle strade percorse. Dopo molti chilometri e faticose pedalate tra il freddo delle Alpi elvetiche, eccoci arrivati nella bellissima Zurigo!

Un’incantevole città, in cui spicca per la sua bellezza l’omonimo lago. Ancora una volta la nostra fatica è stata ampiamente ripagata! Zurigo è una tappa molto importante per il nostro viaggio e per la nostra Associazione: qui il Museo Internazionale Svizzero ci ha ospitato per il primo scambio culturale del nostro progetto. Ci ha accolti la Direzione del museo, che ci ha fatto da guida nelle numerose sale di cui è composto. Abbiamo scoperto molti aspetti della vita culturale, economica e sociale della Svizzera e, alla fine della visita, lo scambio di doni: noi abbiamo regalato materiale digitale, ricco di contenuti relativi alla storia e alle tradizioni piemontesi, ricevendo in cambio un volume che racchiude alcune delle peculiarità della tradizione elvetica.

Lasciamo la Svizzera e il suo clima poco clemente, per fare una comparsata in Germania e poi subito ci addentriamo in Francia. La grande meta è Strasburgo: città ricca di storia e monumenti. La strada che percorriamo è veramente molto bella. Quasi tutta la pista ciclabile si snoda tra le campagne francesi, costellate da tanti piccoli paesini, davvero molto caratteristici. Durante la strada per la città di Metz dobbiamo fare i conti con un inconveniente tecnico, ma decidiamo di proseguire imperterriti perché la strada è ancora lunga e l’Olanda ci aspetta!! Finora possiamo dire che questo viaggio è completamente diverso da quello intrapreso lo scorso anno in Italia. Ogni gioro ci confrontiamo con gente, tradizioni e luoghi differenti l’uno dall’altro e questo è uno degli scopi di questo viaggio.

Il ritorno dall’avventura “Italy to Holland” è previsto nel pomeriggio di domenica 29 maggio al Museo dei Campionissimi di Novi Ligure. È possibile seguire giorno per giorno le tappe del tour sulla pagina Facebook, Twitter, Google + dell’Associazione.
9/05/2016
Gianluca Bombara - sport@alessandrianews.it

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook