Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Serie C - girone A

Beffa al 94': Romero gela il Moccagatta, per i grigi terzo pari interno consecutivo

Troppa sufficienza e poca cattiveria negli ultimi minuti di gioco hanno permesso al Piacenza di agguantare il pareggio con Romero al 94'. Grigi in vantaggio al 53' con Gatto dopo che Marconi aveva calciato sul palo un rigore al 40' del primo tempo
ALESSANDRIA - Formazione tipo solo dal centrocampo in giù: in avanti Marcolini sceglie infatti Fischnaller e Bellazzini a supporto di Marconi lasciando in panca Gonzalez e Sestu. Giornata umida con leggera pioggia a rendere scivoloso il prato del Moccagatta. Circa 200 i supporters biancorossi in curva sud.

A partire più forte sono gli ospiti, che al 4' vanno molto vicini al vantaggio su un contropiede innescato da Corradi, palla a Pesenti che da posizione defilata entra in area e fa partire il destro ad incrociare, salva Vannucchi. Al 10' il primo tiro in porta dei locali: Bellazzini direttamente da calcio d'angolo impegna Fumagalli in tuffo. Un minuto più tardi altro corner, stavolta dalla sinistra: batte lungo Bellazzini, sul traversone arriva Giosa al volo poi Barlocco tenta la magia con il tacco, palla alta non di molto. Ritmi alti, continui i ribaltamenti di fronte, tutt'altro che intimoriti gli emiliani. Al 15' cross di Di Molfetta dalla destra, Corazza di testa manda clamorosamente a lato ma l'arbitro aveva interrotto per posizione irregolare. Spinge il Piacenza nei primi 20', grigi più sornioni in cerca delle ripartenze. Al 19' ancora Di Molfetta a crossare dalla destra, non ci arriva Pesenti e Piccolo di testa manda in angolo. Al 23' Alessandria che sfiora il rocambolesco vantaggio con il tiro dai 25 metri di Fischnaller, conclusione senza troppe pretese resa però insidiosissima dalla deviazione di Pergreffi, costratto al miracolo Fumagalli che toglie la palla dall'incrocio.

Con il passare dei minuti i ritmi calano leggermente. Al 30' punizione di Bellazzini da posizione interessante, tiro di poco alto sulla traversa. Al 35' Nicco si libera sulla destra e serve un insidioso rasoterra in area, Della Latta in scivolata manda in corner con qualche brivido per Fumagalli, Al 40' Piacenza ad un soffio dal vantaggio: Di Molfetta dalla bandierina, Di Cecco fa sponda per Pesenti che tocca quel tanto che basta ma Marconi con una spettacolare rovesciata salva sulla linea. Grande intervento in coperura dell'attaccante grigio, Piacenza ad un soffio dallo 0-1. Quattro minuti più tardi, però, ingenuità di Di Cecco che aggancia Bellazzini in area, l'arbitro non può fare altro che fischiare il rigore. Sul dischetto va Marconi, destro potente alla destra di Fumagalli, palla sul palo. Niente da fare per i mandrogni, che sbagliano il terzo rigore della stagione chiudendo il primo tempo sul risultato di parità. 

La prima incursione in area della ripresa arriva dopo 3', quando Nicco scodella per l'accorrente Fischnaller che però calcia altissimo. Al 53' Alessandria in gol: incursione centrale di Nicco, sui 16 metri filtrante per Gatto che di piatto destro trafigge Fumagalli. Risposta immediata dei padroni di casa al rigore sbagliato da Marconi; Piacenza punito alla prima dormita difensiva. Al 58' dura entrata di Pergreffi ai danni di Nicco, l'arbitro estrae il giallo. Alessandria galvanizzata dal gol del vantaggio, il Piacenza cerca di riordinare le idee. Al 60' conclusione di Bellazzini dal vertice dell'area, respinge Fumagalli. Al 67' doppio cambio per gli emiliani: dentro Bini e Romero, fuori Corazza e Segre. Subito dopo Bellazzini colpisce il palo su punizione da distanza considerevole, a Fumagalli battuto la palla colpisce il legno alla sinistra del portiere. Al 69' il neo entrato Romero mette i brividi alla curva nord con un colpo di testa in torsione fuori misura sul primo palo.

Il Piacenza prova a reagire ma gli avanti biancorossi mancano di lucidità e la retroguardia di casa sembra contenere senza particolari apprensioni. All' 80' Marcolini toglie Gatto (che esce fra gli applausi) e Fischnaller, al loro posto Ranieri e Gonzalez. Ad un minuto dal 90' squillo del Piacenza che centra il palo con Della Latta dopo un batti e ribatti in area, la sfera colpisce il legno e poi finisce tra le braccia di Vannucchi che nell'intervento si fa male e deve ricorrere alle cure mediche. Al 93' Marconi si divora il gol del raddoppio con un tiro in tribuna nei pressi del dischetto. Un minuto più tardi l'errore dell'attaccante mandrogno risulterà fatale perché su rinvio di Vannucchi il centrocampo piacentino rimette la palla al limite dell'area di rigore, Giosa si addormenta e lascia via libera a Romero che con un pallonetto segna la rete del clamoroso 1-1. Grigi beffati a sessanta secondi dal triplice fischio, un pareggio che brucia tantissimo, soprattutto dopo il tiro alle stelle di Marconi pochi secondi prima. 

Ai punti un pareggio giusto. Piacenza ben messo in campo e in crisi solo nel quarto d'ora successivo alla rete di Gatto, periodo in cui i piemontesi avrebbero potuto chiudere i conti. Troppa sufficienza e poca cattiveria negli ultimi minuti di gioco hanno permesso alla squadra di Franzini di agguantare un punto meritato quantomeno per averci creduto fino alla fine. Ancora un pari interno per Marcolini, la cosa inizia a farsi poco incoraggiante. Forse, anche per l'armata grigionera, le fatiche di stagione iniziano a farsi sentire...


ALESSANDRIA - PIACENZA 1-1
Reti: 53' Gatto, 94' Romero

Alessandria (4-3-1-2): Vannucchi; Celjak, Piccolo, Giosa, Barlocco; Nicco, Gazzi, Gatto (35'st Ranieri); Bellazzini (25'st Sestu); Marconi, Fischnaller (35'st Gonzalez). A disp.: Pop, Lovric, Sciacca, Gjura, Usel, Ragni, Chinellato, Kadi, Giubilato. All.: Marcolini
Piacenza (4-3-3): Fumagalli; Castellana, Pergreffi, Silva, Di Cecco (40'st Mora); Segre (22'st Bini), Della Latta, Corradi; Di Molfetta (40'st Zecca), Pesenti, Corazza (22'st Romero). A disp.: Lanzano, Lamesta, Furlotti, Amore. All. : Franzini

Arbitro: De Tullio di Bari

Ammoniti: Di Cecco e Pergreffi
Spettatori: 2200 circa
15/04/2018
Alessandro Francini - sport@alessandrianews.it

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook