Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Calcio

Esordio positivo per la Vignolese

I biancorossi fermano la quotata Cbs Scuola Calcio
La ripresa del torneo di promozione vede la Vignolese bloccare sul nulla di fatto la capolista Cbs Scuola Calcio. Il match del "Figini" si chiude a reti inviolate, ma le squadre danno vita ad un incontro vivace e combattuto. La squadra di coach Claudio Amarotti recrimina per le assenze di Russo (squalificato) e Fossati (leggero stiramento nella rifinitura). Il team valborberino per di più perde a gara in corso l'unica punta a disposizione: Alessandro Inzerillo, autore di un'ottima prova, viene messo ko da una contrattura.
Veniamo alla cronaca. Gli ospiti sono subito pericolosi, ma Martinelli salva sulla linea la conclusione di Bordino. Al 20' intervento dubbio in area ai danni di Inzerillo: l'arbitro lascia proseguire; l'ex libarnino poco dopo si vede respingere sulla linea da Gaiotti un pallonetto.
Nella ripresa, dopo l'occasione di Longo che di testa impegna Dragone, si registra l'infortunio del direttore di gara, che però si riprende e termina la partita. Nel finale, la punizione di Bordino impegna Colombo, reattivo anche sullo stacco aereo di Morrone e sulla punizione di Bordino, sospinta verso la porta biancorossa dal forte vento.
Oltre ad Inzerilo, si mettono in evidenza tra le fila valborberine Colombo, Ghio e Camera. Positiva la direzione di gara, che ha lasciato giocare senza spezzare il gioco.

Vignolese: Colombo, Ghio, Scabbiolo, Siri, Martinelli, Longo, Giordano (75' Ottaviani), Camera, Inzerillo (67' Cottone), Clementini (91' Dameri), Scali. All. Amarotti
Cbs Scuola Calcio: Dragone, Gaiotti (72' Poesio), Fronticelli, Carella (67' Bonelli), Orrù A., Lercara, Bordino, Orrù M., Tozza, Fina (64' Morrone), Fiore. All. Nanni
Arbitro: Zanolini di Biella
Note: Corner 8-2 (Cbs). Ammoniti: Martinelli, Cottone e Giordano (V); Bonelli (Cbs).
27/02/2012

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook