Ovada

Doppietta di Sorbino: anche l'Ovada sale in Seconda

Finisce 3-2 la finale con il Lerma, il gruppo di Ajjor centra la promozione. "Una grande emozione, figlia del lavoro di gruppo". Filinesi (Lerma): "Salgono le due squadre migliori ma il nostro rimane un grande risultato"
OVADA - Anche l’Ovada centra il salto di categoria, risultato particolarmente rilevante al primo vero anno di vita della società. E’ finita 3-2 la finale con il Lerma, una gara apparsa senza storia nei primi venti minuti e poi combattuta e appassionante fino al fischio finale. Merito della truppa guidata da Filinesi che ha saputo reagire all’iniziale svantaggio di due reti. Ovada in vantaggio al primo affondo. L’indecisione decisiva in area è di Subrero, Sorbino è rapido a toccare il pallone e battere Zimbalatti. Lerma visibilmente scosso e Ovada che ci mette un quarto d’ora a raddoppiare. Varona lancia dalla metà campo, Pellizzari si infila tra i due centrali e batte il portiere avversario con un preciso tocco di destro. Sembra la fine. Ed invece la formazione di Filinesi si scuote. Al 23’ Bisio entra in area, lanciato dalla retrovie, e impegna Tagliafico in una difficile respinta a terra. Sulla prosecuzione dell’azione lo stesso attaccante viene atterrato in area. Alla mezz’ora la palla giusta capita sui piedi di Amellal: ancora Tagliafico sventa con un’uscita tempestiva. Al 42’ Pellizzari lavora un bel pallone sul fondo e serve l’accorrente Cutuli: il piatto destro del centrocampista è alto. La gara si riapre. Barletto entra in dribling in area e si conquista un rigore che trasforma spiazzando Tagliafico.

Succede pochissimo nei primi quindici minuti della ripresa. Ma ancora Sorbino sembra chiudere la sfida quando, sul servizio di MBaye, trova la rete del 3-1. Il Lerma però ci crede e accorcia ancora le distanze con Amellal che colpisce di testa da calcio d’angolo. Si sbilancia l’Ovada e Oddone è costretto ad atterrare Rago: secondo giallo e espulsione. Sulla punizione successiva ancora Tagliafico alza sopra la traversa la deviazione di Mercorillo. Il finale vive di tensione. Per due volte Zimbalatti salva alla disperata su Pellizzari. Sull’ultima azione anche il portiere sale per sfruttare un corner, ma dalla mischia non scaturisce nulla.

“Non posso che fare i complimenti ai miei ragazzi – il commento finale, sul fronte lermese, di mister Angelo Filinesi – Siamo partita dal niente e siamo arrivati fino a questo punto. Spiace per il primo gol, davvero un infortunio che un po’ ci ha condizionato. Alla fine vanno in Seconda le due formazioni accreditate. Ma questa è una finale che dovrebbe far riflettere qualcuno: in Terza non si gioca per soldi, ma per amicizia e passione”. “Una grande emozione – gioisce Samir Ajjor, allenatore ovadese – Questo è il coronamento di un lavoro iniziato a Castelletto lo scorso anno. Siamo stati qui tutta la stagione. La partita è stata difficile, a un certo punto è subentrata un po’ di paura. Ma il successo è meritato”.

Tagliafico, Priano, Oddone, Cutuli, Varona (MBaye), Ravera, Di Leo, Giuttari (Ajjor), Pellizzari, Facchino, Sorbino. All. S.Ajjor.

Zimballatti; Ciriello, Scapolan, Mercorillo (17’ Bono ), Subrero; Tortarolo, Rago, Vignolo, Barletto (st 30’ Prestia); Bisio, Amellal. All. Filinesi.

29/05/2016
Redazione - redazione@ovadaonline.net