Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Lega Pro - girone A

Di Masi: "Evacuo fino a giugno. Trattativa movimentata". Marconi a Lecce in prestito

Il bomber campano si unirà ai nuovi compagni martedì. In grigio con la formula del prestito secco. Marconi Lecce, "ma all'Alessandria lo lega un contratto sino al 2019": Sulla sconfitta di Arezzo Di Masi non fa drammi:"Brutta partita, ma resto assolutamente ottimista"
ALESSANDRIA - Felice Evacuo è a tutti gli effetti un giocatore dell'Alessandria, ma la notizia è obiettivamente relativa perché il colpo era nell'aria ormai da diversi giorni. A darne la piena ufficialità è stato lo stesso presidente Luca Di Masi nel corso della conferenza stampa indetta oggi, lunedì 30, allo stadio Moccagatta. “Evacuo rimarrà con noi fino a giugno, in prestito secco dal Parma. Da martedì pomeriggio si allenerà con i nuovi compagni”. Un'operazione 'movimentata', come ammette lo stesso patron. “Se ne sono dette tante nelle ultime settimane, forse troppe. Come ho già avuto modo di sottolineare – ha spiegato il Presidente - non ce l'ho con qualcuno in particolare, i giornalisti fanno il loro lavoro, danno le notizie quando e come ritengono più opportuno e ci mancherebbe non fosse così. I meccanismi del mercato sono però davvero complessi, ci sono tante variabili. Personalmente, in questi casi, preferisco parlare poco ma portare a termine le trattative”. 

L'affare Evacuo, come noto, ha in effetti sollevato un 'vespaio' di indiscrezioni ed anticipazioni più o meno avventate che, in alcuni momenti, “ha quasi rischiato di complicare ulteriormente la trattativa. Tutti vogliono la B, - sottolinea Di Masi - dai giocatori ai tifosi, così come i giornalisti. Forse anche per questo si è scatenata una corsa alla notizia che ad un certo punto è un po' uscita dai binari. Ripeto, non voglio dare colpe a nessuno, credo però che si debba fare molta attenzione a non esagerare con il 'gossip'”. Per l'ex bomber del Novara, quindi, un prestito fino al 30 giugno che non dà alcuna certezza in ottica stagione ventura. “Valuteremo poi a fine campionato se ci saranno le condizioni ideali per proseguire insieme” ma l'impressione è che il rapporto tra l'attaccante campano e la società grigia potrebbe concludersi al termine della stagione in corso. Una trattativa 'movimentata', fatta di lunghi colloqui telefonici con il procuratore del giocatore (“nelle ultime settimane ci siamo incontrati diverse volte. Evacuo ci è stato offerto e noi ci siamo detti interessati, ma solo a certe condizioni”) e il ds del Parma, Daniele Faggiano, “che conosco personalmente. Una persona magari particolare ma certamente molto corretta”.

Per un Evacuo in entrata c'è un Marconi in uscita. Anche in questo caso, la cessione dell'ormai ex numero 9 veniva data per certa dagli addetti ai lavori da quasi un mese. “Michele è un ragazzo straordinario e Lecce sarà per lui un'ottima alternativa. Si era ovviamente reso conto che là davanti c'era poco spazio per lui, quindi si è detto subito disponibile alla cessione”. Un arrivederci più che un addio? “Michele passa in giallorosso con la formula del prestito con diritto di riscatto, le cifre le abbiamo già concordate. All'Alessandria lo lega un contratto fino al 2019, non è assolutamente detto che per lui non ci sia un nuovo futuro con la maglia grigionera”.

Il mercato in entrata, però, non ha riguardato soltanto Evacuo. “Abbiamo fatto tre acquisti in prospettiva. L'Alessandria guarda al presente così come al futuro”. Fissore e Cottarelli avevano voglia di giocare, e per loro sono state trovate due soluzioni 'su misura'. “Fissore meritava un'occasione per dimostrare da subito il suo valore e a Como ha già disputato una partita da titolare. Cottarelli, invece, semplicemente per la sua giovanissima età, non poteva essere un'alternativa a Celjak. Nava, invece, ha un bagaglio di esperienza già di un certo livello, così come Piana e Rosso”.

In chiusura, due battute sulla prestazione di Arezzo: “E' stata certamente una brutta partita. Se vogliamo vedere il bicchiere mezzo pieno possiamo dire che in classifica fortunatamente non è cambiato nulla. Credo però che la squadra debba ritrovare la leggerezza mentale vista in campo prima della sosta. L'Arezzo ci ha messo in difficoltà dal punto di vista dell'agonismo, ma anche noi ci siamo fatti valere. Ad ogni modo il mister saprà porre rimedio a questo momento non troppo positivo. Rimango assolutamente ottimista”.
30/01/2017
Alessandro Francini - sport@alessandrianews.it

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook