Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Ciclismo: due ovadesi alla Granfondo di New York

Matteo Bertrand, atleta Elite tesserato con il team Zheroquadro, ha preso parte alla competizione della Grande Mela, lunga 160 chilometri, in un team diretto da Fabrizio Tacchino, preparatore atletico di Castelletto d'Orba

OVADA - Si è conclusa positivamente la trasferta oltreoceano di due ovadesi, protagonisti - seppur con ruoli differenti - all'8 edizione della Campagnolo GFNY di New York. Matteo Bertrand, atleta Elité che da quest'anno difende i colori del team Lan Service Zheroquadro, e Fabrizio Tacchino, preparatore atletico di Castelletto d'Orba, hanno partecipato al più importante evento amatoriale degli Stati Uniti, basato su un percorso che parte dalla Grande Mela per poi percorrere 160 chilometri nel New Jersy, su strade in mezzo alla natura con brevi salite il cui Gpm si trova sul Bear Mountain. Il primo, ex portiere dell'Ovadese nonché atleta selezionato nella scorsa edizione del concorso "Sportissima", ha indossato la divisa neroverde in supporto di un atleta Master Italo Statunitense che aveva come obiettivo la vittoria nella sua categoria.

Tacchino, invece, ha svolto il ruolo di coach del team, composto - tra gli altri - da Pierluigi Bruschetta (26° al traguardo), Giacomo Peretto, Alessandro Mariani e Serghey Pomoshnikov ex atleta pro della Katusha. Alla gara hanno partecipato 5 mila atleti provenienti da tutto il mondo: alla fine, a trionfare, è stato Micheal Margarite, che ha impiegato 2 ore e 24 minuti per completare il percorso. "E' stata un'esperienza molto affascinante - ha dichiarato Bertrand -. Partecipare ad una gara dall'altra parte del mondo non è da tutti i giorni, poi l'affiatamento con i compagni ci ha permesso di ottenere il migliore risultato individuale e soddisfazione per il nostro Team addirittura poi arrivato 4° assoluto nella classifica a squadre. Il compito del Team di supporto era quello di aiutare Bruschetta a tenere il passo dei migliori nei lunghi tratti contro vento e sulle varie salitelle del percorso". Per Tacchino l'esperienza è stata interessante, anche dal punto di vista sportivo, visto che - grazie al percorso intrapreso negli ultimi tre anni -, con impegno, determinazione e professionalità, è arrivato un risultato estremamente positivo.

28/05/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook