Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Calcio

Casale - Monza rinviata per neve

Ancora da decidere la data del recupero. Intanto non si placano le polemiche interne tra Società e giocatori

CASALE MONFERRATO - Rinviata, a data da destinarsi. Casale-Monza non si giocherà, a causa della copiosa nevicata caduta sul Monferrato nella notte tra sabato e domenica. Il che, per certi versi, può anche essere intesa come una notizia positiva. Lo è, anche e soprattutto, in casa nerostellata. Una casa che, nell’ultima settimana, ha avuto tanti panni sporchi da lavare, a partire dall’incredibile conflitto che si è venuto a creare tra la nuova proprietà e, per così dire, quella parte di rosa che possiamo definire “vecchia guardia”. Una guerra interna che nasce dall’accantonamento  di certi giocatori dal nuovo progetto targato Buglio e che trova il proprio apice nella settimana appena conclusa, quando i calciatori coinvolti hanno ipotizzato la mossa drastica della messa in mora per controbattere ai mancati pagamenti delle mensilità da parte del club. Un braccio di ferro certamente non utile, che va a complicare ulteriormente una situazione già di per sé difficile, con una salvezza che rimane a portata anche se sempre più lontana con il passare delle domeniche, e delle occasioni. Una neve benedetta, dunque, che lascia una settimana di margine per dissipare quanto più possibile i malumori e presentarsi al prossimo impegno in condizioni più agevoli. Da un lato un club che vuole fare piazza pulita della squadra che fu e che vuole investire, tecnicamente, sui giocatori acquistati a fine gennaio. Dall’altro, un gruppo di giocatori che, contratto in mano, rivendicano il diritto di rimanere in nerostellato fino a fine stagione e di essere parte attiva del progetto. Dall’incontro di queste due parti, oggi molto distanti, passa una grande percentuale di obiettivo finale, ovvero la salvezza. Una missione difficilissima, complicata, ma non impossibile. L’esperienza di dirigenti del calibro di Pavarese e Danna deve e dovrà fare la differenza.

25/02/2013
Riccardo Robotti - riccardo.robotti@alice.it

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook