Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Calcio - Serie C

Alessandria, non è tutto da buttare. Alle 14.30 parla il presidente Di Masi

In attesa della conferenza stampa di questo pomeriggio, martedì 29, del presidente Luca Di Masi un bilancio di questa annata vissuta ancora una volta sulle montagne russe
ALESSANDRIA - “Non voglio che il risultato negativo di oggi cancelli tutto quello di buono che è stato fatto negli ultimi mesi perchè avevamo anche noi un sogno e non siamo riusciti a raggiungerlo: spiace per la società, per la nostra gente, per il presidente.” Le parole con cui Michele Marcolini chiude la conferenza stampa sono particolarmente indicative perché mostrano come nel cuore e nelle menti dei tifosi la vittoria nella Coppa Italia di lega di nemmeno un mese fa sia già stata abbondantemente cancellata. Peccato, perché onestamente la sua gestione dei grigi avrebbe meritato un diverso finale: arrivato quasi fra le nemmeno troppo celate perplessità di buona parte della tifoseria e della stampa, il tecnico savonese ha saputo prendere in mano la squadra e, dopo una sconfitta in rimonta a Piacenza che avrebbe ucciso moralmente un toro, aprire una lunga serie di risultati utili che hanno portato per l’appunto alla conquista di una Coppa di C e ad una qualificazione anticipata al primo turno nazionale dei playoff.

Forse è stato proprio il lungo periodo di imbattibilità e la serie di incontri dove non si poteva più sbagliare nulla a fiaccare non tanto il fisico – anche se alcuni giocatori, Blanchard, Piccolo, Gonzalez e Marconi su tutti, sono sembrati veramente stanchi – quanto la mente, e non è un caso che una volta raggiunta la Coppa Italia i risultati dei grigi abbiano iniziato a farsi meno brillanti per quanto positivi.

Oggi, martedì 29, alle 14.30 il presidente Di Masi parlarà in conferenza per annunciare il futuro della società e della squadra: difficile capire le sue intenzioni ma apprezzabile la scelta di non lasciare più molto tempo fra la fine del campionato e le prime dichiarazioni ufficiali sull’annata successiva. In questo modo, oltre ad inibire le fantasie degli appassionati, si può cominciare a programmare in anticipo senza dover poi cambiare allenatore in corsa – cosa che negli ultimi campionati ad Alessandria è sempre successa anche se in momenti diversi della stagione.

Per quanto detto sopra Marcolini meriterebbe una chance a pieni poteri, mentre sulla composizione della rosa qualche aggiustamento sarà d’obbligo sia per i contratti che vanno a scadere che per quelli pluriennali che forse, dopo l’ennesima B mancata, andranno ridiscussi. La prossima serie C, con NovaraPro Vercelli e (forse) Entella, si preannuncia competitiva: l’Alessandria deve rimanere all’altezza se vuole poter gareggiare per i primi posti. 
29/05/2018
Fabrizio Merlo - sport@alessandrianews.it

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook