Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Opinioni

Wikimania 2016: piccolo è bello

Cosa hanno in comune Dar Es Salaam, Atlantic City, S.Louis, Manila, tutte e quattro centri finanziari, turistici, commerciali, con Esino Lario, provincia di Lecco?
OPINIONI - Cosa hanno in comune Dar Es Salaam, abitanti circa 2.500.000 , Atlantic City, abitanti 39.600, S.Louis, abitanti 320.000, Manila, area commerciale di 12 milioni di persone, tutte e quattro centri finanziari, turistici, commerciali, con Esino Lario, provincia di Lecco, abitanti 760, nato alle pendici della Grigna circa sette secoli fa e da allora rimasto pressoché intatto?
Ad accomunarli è stata la competizione per ospitare “Wikimania 2016”, il raduno mondiale dei wikipediani e dei numerosi volontari impegnati nei progetti di “conoscenza libera” che sono nati intorno alla web enciclopedia - dalla raccolta di materiali audiovisivi liberi da diritti (wikimedia commons) ai testi didattici (wikibooks, wikisource e wikiversity), dai software agli open date.
E con lieto stupore il paesino delle Prealpi lombarde si è visto proclamare vincitore, non solo imponendosi sui sunnominati illustri competitori, ma realizzando l’obiettivo per cui in passato si erano messe in gioco, senza raggiungerlo, Milano, Torino e Napoli.
Le prerogative che hanno convinto la commissione esaminatrice hanno a che fare con le garanzie che la minuscola comunità lombarda ha saputo fornire riguardo alla buona riuscita dell’evento, proponendo soluzioni vincenti ai numerosi problemi di natura logistica e organizzativa. A ogni edizione di Wikimania partecipano migliaia di persone, sono previste conferenze in plenaria, serie parallele di conferenze su argomenti specialistici, whorkshop per gruppi ristretti, attività per bambini e adulti; ci si deve occupare della connessione, dei trasporti, dell’alloggio, del merchandising, il tutto a basso prezzo.
I Wikipediani raccolti intorno al progetto di Esino Lario hanno scommesso sulla possibilità di accogliere e gestire un numero di persone largamente superiore a quello dei suoi abitanti.
L’idea originale è stata proprio quella di trarre vantaggio dalla peculiarità del luogo, trasformando il suo handicap, la piccolezza, nella carta vincente: avere le strutture concentrate in un piccolo spazio favorisce le occasioni di scambio informale e dà la possibilità di creare per qualche giorno una comunità raccolta e coesa. Inoltre Esino Lario è in una località naturalisticamente meravigliosa, e ha una storica vocazione turistica, con infrastrutture che sono state rinnovate e rilanciate, e residenti disposti a mettere in campo la propria esperienza in fatto di ospitalità, dal punto di vista pratico e umano.
Le potenzialità del luogo sono state viste in maniera strategica dal gruppo di volontari italiani, insieme alla popolazione locale e ai suoi amministratori: il progetto si articola su due anni, e prevede uno sviluppo che va al di là dell’evento. Tutte le organizzazioni del territorio sono state coinvolte, un bell’esempio di lavoro di rete: Wikimedia Italia, Wikimedia Svizzera, la Comunità Montana della Valsassina, Valvarrone e Val d’Esino.
In definitiva la novità della proposta italiana rispetto al passato (per il 2015 è stata scelta Città del Messico, quanto di più lontano si possa pensare) è l’approccio, che si è guadagnato il plauso della giuria internazionale: le sfide logistiche, organizzative e culturali sono state affrontate utilizzando gli stessi principi cardine, la stessa “visione” a cui si ispira Wikipedia, ossia la sua natura partecipativa basata sul contributo libero, creativo e disinteressato di soggetti che hanno a cuore la possibilità di sviluppare progetti a beneficio della collettività.
Questo Convegno non sarà solo un Convegno, ma un’occasione per rilanciare un territorio in modo aperto e partecipativo, e diventa simbolo del riscatto delle piccole realtà che nell’era digitale possono sognare in grande e diventare protagoniste.. Una comunità intera, popolazione e istituzioni, si sono uniti su un progetto condiviso e hanno pensato a una strada possibile per realizzarlo. Una bella lezione di capacità di visione, di professionalità, abilità imprenditoriale e ottimismo, che sarebbe bello venisse accolta anche dalle nostre parti.
 
9/02/2015

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi