Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Un cortometraggio per raccontare il mondo di chi non ci sente

Un cortometraggio per raccontare il mondo dal punto di vista di una persona non udente. Lo hanno realizzato cinque studentesse universitarie con la collaborazione di un giovane attore di Novi Ligure, Biagio Carrella. Tra di loro, la novese Asia Casonato e la silvanese Michela Montobbio
NOVI LIGURE – Un cortometraggio per raccontare il mondo dal punto di vista di una persona non udente. Lo hanno realizzato cinque studentesse dell’università di Pavia con la collaborazione di un giovane attore novese, Biagio Carrella. Il senso dell’udito è fondamentale per tutte le nostre attività quotidiane: come cambierebbe la nostra vita se di colpo non lo avessimo più?

Parte da questa riflessione il filmato realizzato da Asia Casonato, 19enne di Novi Ligure, diplomata al liceo linguistico Amaldi e oggi studentessa di Scienza della comunicazione a Pavia, che insieme alle compagne Michela Montobbio (di Silvano d’Orba), Dalila Burruano, Valentina Iachetta e Mariliana Forlastro ha però invertito il paradigma: «Nel nostro video Biagio è un ragazzo non udente che una sera si sveglia di soprassalto scoprendo di sentire il ticchettio dell’orologio sul comodino. Così esce di casa e comincia a vivere quella che sarò la notte più incredibile della sua vita».

Il finale a sorpresa (che ovviamente non sveliamo: guardate il video qui) vuole spingere gli spettatori a riflettere: «È un invito a soffermarsi su facoltà che consideriamo scontate o banali. Non per tutti è così», dice Asia.
La realizzazione del video – intitolato “The sound of silence” come la mitica canzone di Simon & Garfunkel – ha richiesto circa due mesi di lavoro, dall’ideazione alla sua diffusione. «I nostri punti di forza sono stati il lavoro di squadra e la collaborazione con Biagio, attore della Bisarca», racconta ancora Asia.

Insieme al video vero e proprio, Asia, Michela e le altre studentesse hanno aperto un blog per raccontare le varie fasi del progetto, idealmente suddiviso in sette passi, hanno condiviso la propria attività sui social e realizzato anche un divertente filmato di backstage. L’iniziativa – frutto delle lezioni del corso universitario di Digital Media – è piaciuta anche ai professori che hanno dato alle ragazze il massimo dei voti.
26/02/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi