Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Opinioni

Un’idea per Casale Monferrato

Un’altra istituzione, questa volta culturale, essenziale alla vita e al ruolo di Casale Monferrato, si blocca: il Corso decentrato della facoltà di Economia dell’Università Avogadro, trasferito ad Alessandria
OPINIONI - Un’altra istituzione – questa volta culturale – essenziale alla vita e al ruolo di Casale Monferrato, si blocca. E’ il Corso decentrato della facoltà di Economia dell’Università Avogadro. Quel corso verrà trasferito ad Alessandria, che viene compensata per la perdita di altri indirizzi. Tutto sembra avere una logica, compreso il fatto che, in questo periodo di tagli soprattutto, pesa ancor di più il fatto che non ha senso decentrare eccessivamente le sedi universitarie; che i numeri degli iscritto non sono poi così particolarmente elevati da giustificare spese e spostamenti di docenti; e che gli Enti finanziatori non possono più permettersi di sostenere il versamento dei contributi promessi. Amen, così sia. Anche se a Casale Monferrato viene promesso un Master in "Analisi e gestione dei rischi da rifiuto contenente amianto per l’ambiente e la salute": interessante, importante, ma tutta un’altra cosa rispetto al Corso di Laurea!

Ovviamente tutto ciò, dopo la questione dell’Asl unica e della sua sede, del Tribunale, e prima di ciò che si verificherà in futuro per quanto riguarda l’Ospedale, rappresenta un ulteriore motivo di disamore e delusione dei monferrini (e poi ci si stupisce del Movimento 5 stelle!) e di nuove polemiche contro il capoluogo provinciale. Continuo a pensare, tenendo conto che ormai oltre il 50% dei casalaschi è favorevole al passaggio con Vercelli, che se Alessandria intende tenere insieme il proprio territorio deve saper rafforzare gli altri centri, coinvolgerli, accettare che questi abbiano strutture qualificate e qualificanti.

La lettura di un articolo di Luigino Bruni (Avvenire 24.3.2013) mi ha acceso la fantasia riguardo a nuove iniziative che possano risarcire Casale sul piano formativo/culturale. In quell’articolo, che parte dal nome del nuovo Papa, si ricorda che i francescani, nel quattrocento, si impegnarono a studiare e capire i motivi della crisi e come farvi fronte, anche come impegno caritativo; e che anche oggi ci si dovrebbe impegnare con lo stesso scopo, per ricercare sistemi economici migliori; invece “mentre la crisi continua a mietere le sue vittime, in tutte le università si continua a studiare e a insegnare la finanza e l’economia retta dagli stessi princìpi che hanno causato queste crisi. I libri di testo sono gli stessi, i dogmi e la spocchia imperialista di noi economisti sono gli stessi del pre-crisi, i nostri migliori studenti continuano a formarsi in scuole di dottorato con gli stessi programmi del 2007. [...] Papa Francesco allora invita i veri amanti del bene comune e quindi di ‘madonna povertà’ (il primo metro di bene comune sono sempre le condizioni dei poveri), a investire molto di più nello studio delle res novae del nostro tempo, che sono i temi del lavoro, del management delle imprese, dell’economia e della finanza, che oggi soffrono anche ‘per mancanza di pensiero’. E sull’esempio degli antichi Monti di Pietà, il mondo si cambia dando vita non solo a libri e a conferenze, ma a nuove istituzioni. [...] C’è un estremo, vitale, bisogno di dar vita a nuovi istituti di ricerca e a nuove università dove si possano studiare diversamente contenuti diversi da quelle che continuano a insegnare i templi del sapere, molti dei quali finanziati dai proventi di questa (brutta) finanza. C’è bisogno di nuovi studia e nuove scholae dove si produca ad alto livello pensiero economico e sociale diverso, e poi di scuole popolari che diffondano e alimentino con la vita quel nuovo pensiero a tutti i livelli”.

Ecco l’idea, per ora utopica e teorica perché servono i finanziamenti (ma in tante città medio-piccole come Casale corsi universitari continuano, e sedi distaccate esistono! Se è possibile lì perché non può esserlo in Monferrato?): un corso universitario (schola la chiama Bruni) che approfondisca contenuti diversi dall’economia e dalla finanza classica, che contenga paradigmi alternativi a quanto insegnato fino ad oggi per ricercare nuove istituzioni, e per altro verso Scuole Popolari per diffondere il nuovo pensiero a tutti i livelli).

So che per Casale Monferrato serve molto altro, soprattutto sul piano produttivo; ma diventare un centro di innovazione del pensiero economico e sociale, che non è estraneo nemmeno alla visione nuova che deve essere dedicata all’ambiente e ai rifiuti (il legame con il discorso dei rifiuti contenenti amianto esiste), non è cosa secondaria o da snobbare. E le istituzioni, pubbliche, semipubbliche, e private dovrebbero farsene carico. Se nell’ottocento il Monferrato era fulcro delle cattedre ambulanti di agricoltura e a Casale Monferrato nasceva il primo Istituto Tecnico (per l’istruzione commerciale, industriale e agraria) subalpino – prima dell’Unità nazionale e della Legge Casati - oggi in questa città, simbolo della lotta all’amianto e risollevatasi dall’inquinamento dell’acquedotto municipale (1986) a causa di immissione nelle falde di rifiuti chimici liquidi di derivazione industriale, può ottenere giusta attenzione a livello universitario.


[tratto dal blog di Appunti Alessandrini]
28/04/2013

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani