Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Un bando per l'accoglienza di 25 stranieri

Pubblicato l’avviso per la segnalazione e l’individuazione di un ente attuatore per la predisposizione di un progetto di intervento di accoglienza integrata nei confronti di richiedenti asilo e rifugiati
NOVI LIGURE - Il fenomeno dell’immigrazione sta coinvolgendo l’intero territorio nazionale, oggi, l’amministrazione comunale novese vuole, ancora una volta, dare delle risposte concrete nel nome dell’integrazione. E a tale proposito è stato pubblicato all’Albo Pretorio del Comune l’avviso per la segnalazione e l’individuazione di un ente attuatore per la predisposizione di un progetto di intervento di accoglienza integrata nei confronti di richiedenti asilo e rifugiati. Novi, come è noto, ha accolto ancora recentemente dei profughi che sono stati alloggiati in parte dalla cooperativa Il Giglio in una struttura di via Oneto e in parte all’Hotel Leon d’oro di strada Boscomarengo, "il bando in questione – spiega l’assessore agli Affari Sociali, Felicia Broda – vuole trovare un ente che, in collaborazione con il Comune, attui un progetto che si rivolgerà a coloro i quali sono stati già identificati e non si trovano in uno stato di emergenza come le persone che attualmente sono ospitate in città".

I beneficiari del progetto saranno 25 stranieri. Nello specifico, dovranno essere garantiti determinati servizi, come ad esempio, l’accoglienza materiale, la mediazione linguistica culturale, l’orientamento e l’accesso ai servizi del territorio e la formazione e riqualificazione professionale. "Credo che attraverso questo bando – continua Broda – si creerà un percorso virtuoso che, auspico, andrà a coinvolgere la città nel suo complesso. Inoltre si darà l’opportunità a queste persone che, ripeto, non sono più in stato di emergenza, di trovare una propria identità nella collettività che li ospita". L’amministrazione comunale novese, comunque, è già riuscita a coinvolgere alcuni immigrati, arrivati a Novi nei mesi scorsi, nella vita novese grazie all’associazione “Angeli per Novi”. Fanno, infatti, parte del gruppo di volontariato, sei ragazzi stranieri di età compresa fra i 18 e i 20 anni provenienti da Mali e Senegal.

Il Comune, al fine dell’esecuzione del progetto per i rifugiati, metterà a disposizione strutture atte alle attività educative, il servizio di mediazione culturale e il servizio Punto Giovani per facilitare l’ingresso nel mondo del lavoro. Le domande dovranno pervenire al Comune di Novi entro le ore 12 del 10 marzo prossimo. "Una volta trovato l’ente – continua Broda – il progetto proseguirà come previsto anche dal Ministero dell’Interno con l’attivazione dei servizi che andranno a sostenere l’inserimento degli stranieri richiedenti asilo".
28/02/2016
Marzia Persi - m.persi@ilnovese.info

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa