Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Castellazzo Bormida

Sull’altra sponda del Mediterraneo: identità e integrazione tra culture

Sabato 31 gennaio alla Soms si parlerà del Marocco, uno dei Paesi più importanti del nord Africa, dellala religione, la società e i valori etici, la politica e come questi valori possono coniugarsi con la società italiana.
CASTELLAZZO BORMIDA - Un viaggio alla scoperta della cultura marocchina e islamica, uno scambio di prospettive e d’identità tra chi studia e si confronta quotidianamente con una realtà diversa e chi cresce, italiano, mantenendo salda la fede e le origine marocchine, un confronto tra giovani per costruire la società del futuro partendo dal territorio. A Castellazzo Bormida sabato 31 gennaio alle 15 al centro  studi della Soms in via Boidi, dopo i saluti del presidente della Soms Daniele Valle e del segretario del circolo del Pd Giacomo Ferrando, si parlerà del Marocco, uno dei Paesi più importanti del nord Africa, la religione, la società e i valori etici, la politica e come questi valori possono coniugarsi con la società italiana.

Introduce e modera Domenico Ravetti, consigliere regionale, vicepresidente del gruppo del Pd, intervengono Giovanni Prati, studente e studioso di Lingue e Relazioni Internazionali, Hajar Chadli, responsabile della sezione alessandrina dei Giovani Musulmani d’Italia e Ahmed Osman (nella foto), mediatore culturale dell’associazione Company.

Giovanni Prati parlerà della propria esperienza come studente di scambio in Marocco e lo racconterà dalla prospettiva di un giovane italiano, utilizzerà materiale grafico e video e si concentrerà su religione, etica e società. Hajar Chadli racconterà la propria esperienza di ragazza marocchina nata e cresciuta in Italia e esprimerà la prospettiva e l’identità di un’italiana musulmana. Parlerà inoltre dell’associazione di cui è responsabile, i Giovani Musulmani d’Italia, spiegando di cosa si occupano e di come mediano tra la società italiana e quella arabo-islamica. Ahmed Osman parlerà del suo lavoro di mediatore culturale, offrendo la sua esperienza ed evidenziando le caratteristiche comuni e i punti di maggior divergenza tra la società italiana e quella marocchina e farà un breve excursus sullo stato dell’arte delle politiche integrative a livello locale e nazionale.
30/01/2015

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano