Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Rifondare l’Europa insieme a profughi e migranti: Guido Viale e Pap Khouma ai Giovedì Culturali

Giovedì 11 maggio a Cultura e Sviluppo l'inaugurazione della mostra “Exodos. Storie di persone, arrivi e inclusione” e la conferenza per riflettere sulla necessità di ricostruire un’Europa ormai incapace di fronteggiare le tre sfide interconnesse che i suoi popoli devono affrontare
ALESSANDRIA - La sera prima della Stralessandria, giunta alla sua ventiduesima edizione, e nei giorni immediatamente successivi, all'Associazione Cultura e Sviluppo (piazza De André), in collaborazione con Ics Onlus, si terrà una serie di riflessioni su una delle tematiche a cui la corsa solidale è dedicata con il motto “Uniamo le sponde”.


Giovedì 11 maggio alle 18 sarà inaugurata la mostra fotografica Exodos. Storie di persone, arrivi e inclusione, con gli interventi di Monica Cerutti, assessore regionale alle Pari opportunità, Diritti civili, Immigrazione, e Carolina Lucchesini, autrice di un video sull’integrazione che sarà presentato durante l'incontro. La mostra è promossa dalla Regione Piemonte in collaborazione con Amgb (Associazione Allievi del Master in giornalismo “Giorgio Bocca”) e racconta storie di persone, arrivi e inclusione, attraverso fughe, abbandoni, paure. Vicende documentate da dodici fotoreporter torinesi indipendenti attraverso quaranta immagini che sono il frutto dei loro viaggi nei paesi di partenza, di sosta e di arrivo e che sono state organizzate in un racconto collettivo che interroga le coscienze e chiede di non dimenticare uno dei fenomeni più drammatici della contemporaneità.
La mostra sarà aperta al pubblico negli spazi di Cultura e Sviluppo sino al 24 maggio da lunedì a venerdì dalle 15,30 alle 18,30 e al mattino su prenotazione per le scuole, telefonando al numero 0131 222474. Sarà in distribuzione un catalogo che, oltre alle foto, comprende testi di analisi, un glossario di riferimento, esperienze di accoglienza inclusiva (anche di Alessandria) e informazioni di servizio.

Sempre giovedì, dalle 19 alle 22,30 (con pausa buffet alle 20,30) si terrà la conferenza Rifondare l’Europa insieme a profughi e migranti, nella quale si rifletterà sulla necessità di ricostruire un’Europa ormai incapace di fronteggiare le tre sfide interconnesse che i suoi popoli devono affrontare: quella ambientale, quella economica e quella dei profughi. Profughi, non migranti: persone che premono ai confini dell’Europa non alla ricerca di una vita migliore, come in parte succedeva in passato, ma per sfuggire a guerre, stragi, morte per fame e schiavitù.
La riflessione sarà guidata da Guido Viale e Pap Khouma. Viale, sociologo e saggista, autore del libro da cui la conferenza prende il titolo, si occupa di ricerche economiche, sociali e di politiche attive del lavoro in campo ambientale, è stato un leader della protesta studentesca nel sessantotto a Torino e in seguito dirigente di Lotta continua. Khouma, scrittore senegalese di nascita e cittadino italiano, è direttore della rivista on-line di letteratura della migrazione El Ghibli, autore di Io, venditore di elefanti, Nonno Dio e gli spiriti danzanti e Noi italiani neri. Storie di ordinario razzismo, ha lavorato per anni in libreria.

Lunedì 15 maggio alle 21 sarà proiettato il documentario Dust, la seconda vita con i registi Stefano Rogliatti e Stefano Tallia che hanno realizzato il video andando a raccogliere le testimonianze degli ospiti dei campi profughi, prevalentemente siriani ed iracheni nel Kurdistan iracheno, dove 1 milione di rifugiati su 5 milioni di abitanti, vivono senza acqua, senza energia elettrica e con pochi servizi igienici. Si tratta di un’esperienza di giornalismo di impegno realizzata nel giugno 2016, con un progetto autofinanziato per raccontare cosa succede quando la guerra irrompe nella vita delle persone che sino ad allora hanno avuto un’esistenza quasi normale.

11/05/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Sentiero 413: sul Monte Pracaban partendo dalle Capanne di Marcarolo
Sentiero 413: sul Monte Pracaban partendo dalle Capanne di Marcarolo
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione