Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

“Alle radici della violenza maschile”: ne discotono Silvia Bonino e Luigi Zoja

Giovedì 18 maggio a Cultura e Sviluppo due illustri ospiti per parlare di violenza sulle donne. Oltre agli stereotipi di virilità maschile e alla reazione di rifiuto all’accresciuta autonomia delle donne, ci sono ragioni radicate nella nostra storia filogenetica e nel nostro inconscio psichico
ALESSANDRIA - La cronaca ricorda che nelle relazioni affettive tra uomo e donna è ben presente la violenza. Nel nostro paese il numero delle donne assassinate ha un andamento stabile negli ultimi anni. Donne uccise soprattutto da partner e familiari: uomini che si comportano in modo aggressivo verso le donne che dicono di amare. In passato la violenza all’interno della coppia era presente, ma veniva nascosta, o considerata un diritto da parte dell’uomo, dato che i modelli culturali legittimavano anche a livello giuridico il potere maschile. Le cause di questo triste fenomeno sono spesso ricondotte a fattori di tipo educativo e culturale, come il permanere di stereotipi di virilità maschile e la reazione di rifiuto all’accresciuta autonomia e avanzamento delle donne. Ma forse, a spiegazione della rilevante differenza di genere in tema di violenza, vi sono ragioni radicate nella nostra storia filogenetica e nel nostro inconscio psichico.

Si discuterà di questi temi ai Giovedì Culturali dell'Associazione Cultura e Sviluppo nell'incontro del 18 maggio intitolato Alle radici della violenza maschile, con Silvia Bonino, professore onorario di Psicologia dello sviluppo all’Università di Torino autrice di Amori molesti. Natura e cultura nella violenza di coppia (Laterza, 2015) e con Luigi Zoja, già presidente della Iaap, Associazione Analisti Junghiani autore di Centauri. Alle radici della violenza maschile (Bollati Boringhieri, 2016). Introdurranno la discussione Maria Grazia Caldirola e Mauro Fornaro.

L'appuntamento è per giovedì 18 maggio alle 19 (con pausa buffet alle 20,30 e termine alle 22,30) nella sede di piazza De André.

 

16/05/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Sentiero 413: sul Monte Pracaban partendo dalle Capanne di Marcarolo
Sentiero 413: sul Monte Pracaban partendo dalle Capanne di Marcarolo
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione