Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Poste: rivoluzione dal 21 maggio

Dallo scorso 16 aprile il nuovo servizio relativo al sistema di recapito della corrispondenza è già attivo ad Alessandria e, a partire da lunedì 21 maggio, partirà anche a Ovada

OVADA - La “rivoluzione” del sistema di recapito delle Poste era già stata preannunciata nelle scorse settimane. Qualche sindaco dell'vadese prese posizione contro questo provvedimento che, di fatto, insieme alla consegna della posta a giorni alterni, penalizzerebbe di fatto i comuni più piccoli. Ma dallo scorso 16 aprile il nuovo servizio è già attivo ad Alessandria e, a partire da lunedì 21 maggio, partirà anche a Ovada. Si tratta di un debutto assoluto in provincia di un modello che prevede la creazione di due reti di consegna integrate tra loro. A quella «di base», relativa esclusivamente alle consegne ordinarie, come lettere, bollette e giornali, dal lunedì al venerdì, operative a turni solo al mattino, si è deciso di affiancare il «business», la consegna dei prodotti a firma e dei pacchi, come quelli Amazon, oltre alla posta urgente.

Nel primo caso sono 19 le zone coinvolte, 9 nella seconda. Ora, a distanza di un mese, questa «joint delivery» – tradotto dall’inglese «consegna congiunta»: così la definiscono alle Poste – diventerà la regola anche a Ovada e Novi Ligure, insieme a un’altra decina di centri minori (tra cui Basaluzzo, Molare e Tagliolo Monferrato per quanto riguarda la zona dell’Ovadese). La data da segnare sul calendario è quella di lunedì 21 maggio, giorno in cui si chiuderà questa operazione che ha già coinvolto, oltre al capoluogo, anche i comuni di Acqui Terme, Valenza, Bistagno, Cassine, Fubine, Visone e i sobborghi di Alessandria (a partire da lunedì scorso). La figura del postino che suona ogni mattina per consegnare la corrispondenza standard risulterà quasi inesistente, visto che gli altri colleghi, responsabili del modello “business” (che coinvolge 5.200 Comuni sparsi in tutta Italia, 140 solo in provincia, con la sorprendente esclusione di Tortona) potranno suonare al citofono delle varie abitazioni anche al pomeriggio e al sabato per consegnare i pacchi e il resto della posta urgente.

 

11/05/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi