Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Gavi

Per l'ex oratorio di Sant'Antonio finanziamenti per 170 mila euro

I lavori di recupero e restauro conservativo dell’edificio che ospita l’ex oratorio di sant’Antonio, che si trova in via Mameli all’angolo con piazza Marconi, sono stati al centro di una recente delibera della giunta comunale di Gavi, documento che ha stabilito l’adesione ai Pti (Programmi territoriali integrati) della Regione Piemonte
GAVI - I lavori di recupero e restauro conservativo dell’edificio che ospita l’ex oratorio di sant’Antonio, che si trova in via Mameli all’angolo con piazza Marconi, sono stati al centro di una recente delibera della giunta comunale di Gavi, documento che ha stabilito l’adesione ai Pti (Programmi territoriali integrati) della Regione Piemonte e ha sancito l’approvazione della bozza di convenzione tra l’ente regionale e i Comuni interessati dai programmi.

Per l’ex oratorio, in passato al centro di forti polemiche tra maggioranza e opposizione a causa della sua vendita e del progetto che riguarda l’utilizzo dei suoi spazi, i finanziamenti ammontano a 171.875 euro circa, dei quali 127 mila messi a disposizione nel 2012 dal Comune di Gavi, 16 mila nel 2013 dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Torino e quasi 29 mila euro che arriveranno nel 2015 dal Fondo di Sviluppo e Coesione, lo strumento generale di governo della politica regionale nazionale per la realizzazione di interventi nelle aree sottoutilizzate. Nel documento approvato dalla giunta gaviese, si specifica che il Comune si impegna a cofinanziare i lavori non appena sarà perfezionata la procedura dell’accordo di programma.

Nell’accordo sono stati inseriti interventi per poco meno di 3 milioni di euro e che riguardano diversi enti locali, tra i quali Voltaggio con il consolidamento strutturale dell’oratorio di San Sebastiano (previsti 102 mila euro di fondi), Carrosio con la realizzazione del centro di documentazione del geosito (133 mila euro), la Comunità Montana Terre del Giarolo per la progettazione e la realizzazione di sei impianti idroelettrici (1 milione e 100 mila euro), e ancora progetti riguardanti Acqui Terme, Castelletto D’Orba e la borgata di Bozzolina, Silvano D’Orba, Tagliolo, Ovada e la sistemazione di Piazza Castello.
 
30/12/2014
Lucia Camussi - l.camussi@ilnovese.info

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano