Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Società

Passato il Natale... tempo di riciclare!

Le feste, come ogni anno, portano una grande quantità di materiale da imballaggio che deve essere smaltito. Ma cosa succede quando, insieme alle confezioni, viene voglia di buttare via anche il regalo?
SOCIETA' - Chi li ha aperti la sera a mezzanotte precisa, chi ha preferito aspettare il mattino, chi, non riuscendo a resistere, ha ceduto alla tentazione di scartarli nel momento stesso in cui li ha ricevuti: la giornata di Natale per molti è occasione di preghiera e ritrovata spiritualità ma, quasi per tutti, è più semplicemente la “giornata dei regali” per eccellenza, con i bidoni che puntualmente si riempiono di ogni tipo di confezioni vuote e, in qualche caso, anche di doni non graditi. A chi volesse qualche consiglio su come riciclare al meglio gli scarti del packaging natalizio consigliamo il decalogo offerto dal sito del mensile “Focus” (di qualche anno fa, ma sempre attuale), da conservare anche come promemoria per sceglie con attenzione le confezioni da preferire l’anno prossimo.

A quanti invece, secondo alcune ricerche circa il 36 per cento degli italiani, sceglieranno di provare a riciclare anche i doni, “rifilandoli” ad amici e parenti sperando di fare cosa gradita, consigliamo la lettura di alcune ricerche scientifiche portate avanti da prestigiose università (Stanford, Harvard e London Business School) che si sono poste l’obiettivo di indagare quali siano gli stati d’animo di chi ricicla un regalo che non ha gradito e di chi, ricevendolo, lo viene accidentalmente a sapere. Secondo quanto affermato da chi ha condotto la ricerca, pare infatti che chi riceva il dono si senta ancora un po’ in colpa a riciclarlo, mentre chi lo ha donato, tutto sommato, abbia poco da eccepire all’eventuale decisione del beneficiario di disfarsene.

Se per tanti scegliere di cambiare la confezione a un regalo ricevuto, sostituire il biglietto di auguri, e “smistarlo” altrove rappresenta ancora un tabù, per altri, in tempo di crisi, pare essere quasi una necessità per far tornare i conti dei diversi regali da fare. A chi proprio non riuscirà a vincere la riluttanza della propria coscienza ad abbandonarsi all’arte del riciclo, ma che al contempo proprio non riuscirà a farsi piacere i doni ricevuti, consigliamo tre differenti strade da poter seguire!

1) Rivendere i regali, magari online!
I siti di commercio su internet certo non mancano e chissà che mentre sarete intenti a ultimare la vostra inserzione non faccia capolino fra gli oggetti offerti da altri, nella vostra stessa condizione, proprio il regalo che avreste tanto desiderato ricevere e che invece vi è sfuggito

2) Raccogliere tutti i doni scartati in un grande scatolone, sistemarlo in un luogo asciutto e riparato, e attendere il prossimo mercato del baratto cittadino (o pensare di organizzarne uno!). 
Un’occasione per scambiare regali che non hanno fatto breccia nel nostro cuore senza sentirci in colpa e, anzi, socializzando e condividendo con altri la gioia dello scambio.

3) Donare, a chi saprà apprezzare sicuramente meglio di noi, ciò che non gradiamo. Le realtà alle quali affidarsi sono molte, ma se non vogliamo correre rischi di “prendere una cantonata”, meglio rivolgersi a realtà conosciute e affidabili, come, per esempio, la Caritas. Un gesto, quello del dono a un'ente di solidarietà, capace in un colpo solo di ripulire armadi e cassettiere di capi di abbigliamento che finirebbero per restare inutilizzati e di offrire invece la possibilità a chi ne avrebbe davvero bisogno di godersi un Natale più caldo e confortevole. Quelli, ne siamo certi, saranno tutti regali davvero graditi! 
26/12/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano