Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Abbattiamo le barriere

Multe virtuali, i ragazzi a caccia di infrazioni

230 studenti hanno partecipato al progetto attivato con l'obiettivo di educare al codice della strada e rilevare le infrazioni a danno dei pedoni, non solo disabili. Paola Testa: "Dobbiamo spingere sull'acceleratore dell'educazione affinché una qualità della vita diversa sia possibile"
ALESSANDRIA -  Martedì 23 e mercoledì 24 settembre, 230 ragazzi delle scuole cittadine hanno partecipato all'iniziativa "Multe virtuali", organizzata dal Comune di Alessandria, insieme con le associazioni che si occupano di disabilità.
Nelle due mattine gli studenti di due classi quinte delle scuole Carducci e Bovio, due terze della Vochieri-Cavour, due terze del Conservatorio Vivaldi e una classe prima dell'ENAIP, indirizzo Assistenti alla ristorazione",  hanno effettuato un percorso urbano per compiere un vero e proprio corso di educazione civica e stradale.
I ragazzi, suddivisi in gruppi e accompagnati da insegnanti e referenti dell'associazionismo che si occupa di disabilità, hanno, infatti, potuto conoscere le basi del codice della strada e rilevere le infrazioni degli automobilisti (ma non solo) a danno dei pedoni, non solo disabili.
Le otto multe "virtuali" effettuate sono state apposte ad auto in sosta negli stalli riservati alle persone con disabilità senza il relativo permesso, parcheggiate sui marciapiede, in prossimità degli scivoli e delle strisce pedonali, ma anche ad alcune biciclette che ostacolavano il passaggio dei pedoni nelle aree riservate a quest'ultimi.

Stupiti gli studenti hanno potuto osservare la noncuranza di alcuni automobilisti. C'è stato chi, infatti, dopo aver visto "sanzionata" la propria vettura parcheggiata sul marcipede si è affrettato a raggiungere il gruppo di ragazzi per protestare e chi ha pensato, dopo aver parcheggiato l'auto in un luogo non predisposto alla sosta, di lasciare sul cruscotto il cartello "sono a scuola" (con annesso riferimento telefonico per necessità). 

"Affrontare questi temi mi fa rendere conto di quanto lavoro ci sia da fare, - ha detto al termine dell'inziativa la Disability Manager del Comune di Alessandria, Paola Testa - ma quanto proficuo sia il parlare ai ragazzi, a differenza del parlare agli adulti. E' stato un grande privilegio poter osservare l'impegno messo in campo da tutti i partecipanti.  
La città per tutti è di fatto per soli automobilisti incivili, ma tutti insieme possiamo spingere sull'acceleratore della cultura, dell'istruzione, dell'educazione per far sì che emerga prorompente il bisogno di tutti di avere strumenti in città che favoriscano una qualità della vita diversa. In testa, però, è importante che ci siano gli uffici competenti, dalla Polizia Municipale ai Lavori Pubblici, dal Commercio all'Urbanistica". 






29/09/2014

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa