Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Roma

A Papa Francesco i doni dell'accoglienza in provincia

All'incontro con Papa Francesco in occasione della Giornata nazionale per le vittime dell’immigrazione anche Maramao e Terre di Monale, due delle esperienze nate in provincia dall'accoglienza dei migranti
ROMA -  Guardare a città accoglienti ed inclusive è il messaggio lanciato da Papa Francesco nel corso dell’incontro che il Santo Padre ha avuto con l’Anci e la rete degli Sprar territoriali sabato 30 settembre. 

Durante l’udienza papale quattro sono stati gli Sprar in rappresentanza della rete locale che hanno omaggiato il Santo Padre con doni realizzati dai rifugiati e richiedenti asilo in accoglienza, alcuni dei quali erano presenti anche all’incontro. I beneficiari dell’Atelier Nuele hanno donato al Papa una stola realizzata a mano proveniente dal laboratorio di sartoria Nuele dello Sprar di Santorso che realizza prodotti con tessuti di alta qualità avanzati dalle lavorazioni di aziende locali. Alla produzione di borse è stata recentemente affiancata anche quella di abiti sartoriali, prodotti unici che all’eleganza contemporanea intrecciano speranze e progetti di vita. Non a caso “nuele” in lingua kiswaili significa “treccia”.

Mentre dalla cooperativa vitivinicola Maramao, che nasce in seno allo Sprar di Alessandria, è stato preparato per il Papa un cesto con alcuni prodotti di loro produzione come vino, nocciole e marmellate per la cui preparazione sono stati coinvolti anche i beneficiari. Maramao nasce come impresa agricola sociale che coltiva i terreni in modo biologico coinvolgendo richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale ospiti dei progetti Sprar della provincia di Alessandria e di diversi comuni piemontesi.

Tra i doni per il papa, è arrivato dalla start-up Terre di Monale anche un servizio di piatti lavorati a mano da migranti e richieenti asilo. Nata su impulso degli Sprar di Chiusano d’Asti, Monale, Settime, Castellero, Cortadone e Asti, la start-up punta a favorire l’inserimento lavorativo di giovani donne vittime di tratta recuperando la lavorazione artigianale della ceramica.

E’ stato infine donato al Papa un turbante realizzato dalle donne rifugiate dello Sprar di Latina. La creazione nasce all’interno dell’Atelier Acanthus, che punta ad offrire alle donne in accoglienza una nuova opportunità di crescita e formazione attraverso la realizzazione di capi ed accessori di alta sartoria con un’attenta selezione delle materie prime impiegate.







15/10/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Operazione Black and White dei Carabinieri contro il capolarato
Operazione Black and White dei Carabinieri contro il capolarato
Festival prevenzione e innovazione in oncologia ad Alessandria
Festival prevenzione e innovazione in oncologia ad Alessandria
La visita di Brumotti all'ospedale infantile Cesare Arrigo
La visita di Brumotti all'ospedale infantile Cesare Arrigo
Passodopopasso Attraverso i miei occhi - Un aiuto per Karoona
Passodopopasso Attraverso i miei occhi - Un aiuto per Karoona
Lo spettacolo in carcere, ispirato a 900 di Baricco
Lo spettacolo in carcere, ispirato a 900 di Baricco
Sindaco e Imam alla festa di fine Ramadan
Sindaco e Imam alla festa di fine Ramadan
Festa di fine Ramadan 2018
Festa di fine Ramadan 2018
Alessandria: capitale della prevenzione oncologica
Alessandria: capitale della prevenzione oncologica
Casa delle Donne: luogo vivo e aperto alla città
Casa delle Donne: luogo vivo e aperto alla città
Stralessandria2018 le immagini della corsa quarto gruppo
Stralessandria2018 le immagini della corsa quarto gruppo