Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

La Cisl e il nuovo Cda del Teatro: "l'attenzione torni alla situazione dei dipendenti"

La Cisl Alessandria accoglie con ottimismo la nomina del nuovo cda ma ricorda: "la situazione dei lavoratori del teatro resta molto preoccupante. Non vengano trattati come impiegati di serie B. Serve il pagamento degli arretrati e un piano serio per il futuro"
 La Cisl alessandrina chiede al nuovo cda  un intervento urgente per il pagamento degli stipendi arretrati dei dipendenti del teatro ancora coinvolti in una situazione di grande precariato e incertezza. “Abbiamo appreso dai giornali della nomina del nuovo cda del Teatro Regionale Alessandrino, che auspichiamo possa rappresentare una vera ripartenza, ma lo stato dell’arte che interessa i lavoratori resta preoccupante”.
Queste le riflessioni di Bruno Pagano, della segreteria Cisl di Alessandria, e Loredana Mazzuia, segretario generale Fistel Cisl provinciale, federazione che si occupa proprio dei lavoratori dello spettacolo e delle telecomunicazioni. “In questi giorni – precisano – ci aspettavamo che venisse dato maggiore risalto alle sorti dei 15 dipendenti del teatro che attendono risposte da mesi, con i quali abbiamo portato avanti una mobilitazione senza sosta, con numerosi presìdi ed incontri con la Presidenza, nonché l’ultimo incontro avuto in Prefettura con il vice-Prefetto vicario Ricciardi”.

Ad oggi sono sette i lavoratori che usufruiscono dell’ammortizzatore della cassa integrazione in deroga, mentre i restanti otto continuano a lavorare senza percepire retribuzione ed attendono ancora il pagamento degli arretrati, ovvero la metà della retribuzione del mese di giugno e tutto il mese di luglio, a cui va aggiunto il pagamento del lavoro supplementare e le trasferte del mese di maggio.

Aggiungono i sindacalisti: “Ci aspettavamo anche, da parte del nuovo cda e dal sindaco di Alessandria, una dichiarazione che aprisse uno spiraglio sulla questione del pagamento della retribuzione dei dipendenti del Tra: siamo convinti che questi ultimi non siano lavoratori di serie B, e che meritino la stessa attenzione dedicata ai lavoratori di Amiu ed Atm, i quali hanno potuto ricevere gli stipendi grazie all’intervento dell’amministrazione comunale”.

Riguardo al possibile utilizzo della cassa integrazione a rotazione richiamato dal Sindaco di Alessandria, Pagano e Mazzuia ricordano infine che si tratta di “strumento già proposto e inserito nel documento firmato ad aprile dalle organizzazioni sindacali e dal presidente uscente”, e ribadiscono la piena disponibilità del sindacato ad avviare nuovi confronti.
2/08/2012

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festival Adelio Ferrero 2018, intervista a Roberto Lasagna e Barbara Rossi
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Festa a 4 zampe a Cascina Rosa
Operazione Borderline
Operazione Borderline