Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Arquata Scrivia

L'ex sindaco Gaetano Poggi e le onorificenze esposte in biblioteca

Dopo le matite giganti di Aldo Divano, donate al Comune dall'artista che ama scolpire pali da vigna per trasformarle in vere e proprie sculture che ora arricchiscono l'atrio di palazzo Spinola, un'altra donazione di importante valore storico va ad aggiungersi al patrimonio comunale di Arquata Scrivia
ARQUATA SCRIVIA - Dopo le matite giganti di Aldo Divano, donate al Comune dall’artista che ama scolpire pali da vigna per trasformarle in vere e proprie sculture che ora arricchiscono l’atrio di palazzo Spinola, un’altra donazione di importante valore storico va ad aggiungersi al patrimonio comunale di Arquata Scrivia. Si tratta delle onorificenze di Gaetano Poggi, cavaliere e avvocato che dal 1890 al 1895 è stato sindaco di Arquata.

Studioso e archeologo, è stato fra i promotori degli scavi nell’area di Libarna, a cui ha dedicato anche un volume. Nel 1905 ha dato alle stampe un altro libro intitolato “Genova XXVI secolo di storia”, che tratta la storia del capoluogo ligure dalle origini alla fine dell’Ottocento. Vissuto tra il 1856 e il 1919, Poggi era originario di Rigoroso ed è stato assessore alle Belle Arti del Comune di Genova.

Una parente dell’ex primo cittadino ha ritrovato alcune pergamene che attestano il titolo di ufficiale prima e di commendatore poi dell’Ordine della Corona d’Italia
e si è messa in contatto con l’assessore Stefania Pezzan. La giunta comunale ha poi stabilito che tutti i documenti vengano acquisiti dal Comune per poi donarli alla biblioteca dedicata alla figura dell’ex sindaco e poterli esporre.

Istituito nel 1868 dal re Vittorio Emanuele II, il nuovo Ordine equestre della Corona d’Italia era diviso in cinque classi e il titolo venne conferito a italiani e stranieri che si fossero distinti con opere di particolare impegno a favore della nazione.

In un altra pergamena del 1902, l’allora sindaco di Genova nomina Poggi a far parte di una commissione "eletta coll’incarico speciale di compilare il catalogo di tutti gli edifici e e monumenti esistenti in Genova che meritano di essere conservati pel loro interesse storico et archeologico".
9/02/2017
Lucia Camussi - l.camussi@ilnovese.info

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi