Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Il parcheggio Tiziano sarà a pagamento

Sono iniziati i lavori per la realizzazione di un Movicentro nel piazzale a fianco la stazione. Il comune liberalizza cento posti all'Aci ma i pendolari protestano: “troppo pochi”

Alessandria ha perso 200 posti di sosta gratuiti. Lo scorso 15 maggio hanno infatti preso il via i lavori per la riqualificazione del parcheggio Tiziano, accanto alla stazione. La Metropark, la società del gruppo Ferrovie dello Stato proprietaria dell'area, ha deciso di riprendersi il terreno per costruire un nuovo e più moderno parking a pagamento. Era stato possibile mantenere fino ad ora la zona gratuita grazie ha un accordo stipulato dal Comune che pagava un affitto per il parcheggio permettendo così che la sosta potesse rimanere gratuita. Scaduto il contratto, la Metropark non ha voluto stipulare nuovamente l'accordo e si è ripresa l'area. La prima fase dei lavori, partiti il 15 maggio e che dovrebbero concludersi a settembre, prevedono la costruzione di uno spazio riservato ai soli possessori di un abbonamento ferroviario specifico. I possessori dell'abbonamento potranno farvi ingresso da un accesso regolato da sbarre in piazzale Curiel. Qui, è prevista anche una parte per le soste brevi che dovrebbe costare circa un euro l'ora. Una seconda fase dei lavori, ipotizzata per il 2012, prevede la realizzazione di un movicentro, un'area adibita all'arrivo e alla partenza dei pulmann. Dovrebbe posi essere, infine, completata l'opera con una parte per le soste di più lunga durata, probabilmente non a pagamento.

Intanto il Comune, vista la scarsità dei posteggi gratuiti nella zona che si è venuta a creare in seguito ai lavori, ha deciso di rendere liberi 100 posti auto in Piazza Madre Teresa di Calcutta, lato via Messina.

Ci sono già le prime contrarietà da parte del gruppo Arenaways che teme le conseguenze negative che questo cantiere potrà avere sul servizio Autozug, il treno con auto al seguito di cui la società è responsabile per Alessandria. Lo spazio di manovra per le vetture in ingresso e in uscita, rischia di vedersi ridotto a uno passaggio abbastanza stretto con conseguenze negative per la gestione dei convogli e la qualità dei servizi di quella che dovrebbe essere una vera e propria porta d'ingresso in Italia per i turisti tedeschi e olandesi. A protestare sono anche i pendolari che quotidianamente raggiungono la stazione alessandrina in auto per proseguire il viaggio verso i luoghi di studio o lavoro in treno: “conti alla mano, ci levano 200 posti e ne mettono a disposizione solo la metà in una piazza più distante. E' evidente che qualche cosa non quadra”, dice Valentina G, che arriva da Casalbagliano. “Fino a che il tempo lo permette, raggiungo la stazione in bicicletta, poi vedremo. Faccio solo notare che già dal primo giorno si era creato un parcheggio selvaggio di bici davanti alla stazione”, aggiunge Paolo C.

25/05/2011

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa