Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Società

Più di 45mila stranieri in provincia, "una grande risorsa"

Presentato il Dossier statistico immigrazione 2012 della Caritas. Presenza straniera cresciuta molto negli ultimi 10 anni nella Provincia di Alessandria. Una grande fetta di popolazione è minorenne. Dovis, delegato regionale Caritas: "Gli stranieri sono persone, non numeri"
SOCIETA' - “Milioni di persone sono coinvolte nel fenomeno delle migrazioni, ma esse non sono numeri! Sono uomini e donne, bambini e anziani che cercano un luogo dove viere in pace”. Sul solco di queste parole pronunciate da Papa Benedetto XVI durante la giornata mondiale delle migrazioni, è stato presentato il Dossier statistico sull’immigrazione 2012 realizzato dalla Caritas. “L’immigrazione oggi è fatta di nuclei famigliari, comunità e associazioni protagoniste sul territorio in cui si trovano – ha spiegato Pino Gulia, responsabile servizio immigrazione del patronato Acli, alla presentazioni del dossier avvenuta ieri (martedi 30 ottobre) presso la sede di Cultura e Sviluppi di Alessandria- Grazie all’immigrazione l’Italia è cambiata e le nuove generazioni saranno sempre più partecipi al futuro del Paese”.
I dati raccolti nel studio raccontano di un’Italia in cui gli immigrati sono 5 milioni, su un contesto europeo in cui ci si attesta sui 33,3 milioni e uno mondiale in cui i migranti sono 214 milioni. Sul nostro territorio 1,3 milioni di stranieri residenti sono comunitari e 3 milioni vengono dal di fuori della comunità europea ma ben il 52% di loro ha un permesso di soggiorno illimitato.
In Piemonte ci sono 442 mila immigrati, 45.032 risiedono nella provincia di Alessandria (al 31 dicembre 2011). Nel territorio provinciale, come evidenziano i dati che ha illustrato il direttore di Caritas Alessandria Giampaolo Mortara, la presenza straniera si concentra principalmente nei grandi centri: il 12% si trova nel capoluogo, l’11,6% a Tortona, il 10,3 % a Novi Ligure. La nazionalità più rappresentativa è quella rumena con il 27,70% del totale, seguiti da Albania (19,20%), Marocco (17,40%), comunitari (14,20%) e via via tutti gli altri. A dispetto di quanto sia la percezione comune, quindi, la maggioranza dell’immigrazione avviene da paesi appartenenti all’Europa; più del 50% è della comunità europea o di un paese fuori della comunità ma appartenente al Vecchio Continente. 
Fortissima è la presenza di minori in territorio alessandrino. Il 24,3% degli immigrati ha infatti meno di 18 anni, un dato superiore alla media nazionale che si attesta sul 22,7%. Conseguentemente le scuole vedono una presenza straniera del 16,4% decisamente superiore alla media regionale (12%) e italiana (8%).
Interessante è anche il dato che riguarda la situazione occupazionale. Nella nostra provincia gli stranieri hanno prevalentemente posti di lavoro precari, cambiano spesso lavoro e sono, per lo più, irregolari. Il settore in cui sono maggiormente occupati è quello dei servizi, dove grande è l’impiego come badanti o personale di assistenza ma anche come infermiere. Buona è anche la presenza nelle costruzioni e nell’agricoltura, più scarsa, anche se non irrilevante, nell’industria.
Più delicato il discorso della lingua. Molti immigrati di età adulta non conoscono l’italiano. Ciò è imputabile al fatto che la maggioranza la acquisisce attraverso le relazioni e le opportunità lavorative, sociali e culturali che incontrano. Attraverso la lingua passa però la via per l’integrazione e, in tal senso, il Consiglio Territoriale per l’Immigrazione della Prefettura di Alessandria ha messo in moto due progetti per insegnare agli stranieri l’italiano.
"Oggi c'è la necessità di passare dalla questione della gestione dei flussi alla questione della gestione di una reale e forte integrazione. Gli stranieri sono persone, non numeri. Sono una grande risorsa per il nostro Paese, anche come gettito fiscale che danno allo stato" commenta Pierluigi Dovis, delegato regionale Caritas Piemonte-Valle d'Aosta

Per approfondire maggiormente il tema: "Le nuove facce di Alessandria"
 
31/10/2012

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa