Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Donato all'Infantile il gastroscopio per neonati e lattanti

Conclusa la raccolta fondi della Fondazione Uspidalet a favore dei piccoli pazienti. Pesce: "un nuovo importante strumento che ci dà la possibilità di effettuare in modo molto più efficace l’attività di diagnosi e terapia endoscopica per i più piccoli"
ALESSANDRIA - “Oggi inauguriamo un videogastroscopio neonatale per l’Ospedale Infantile. Anche questo progetto è la dimostrazione che l’unione fa la forza. Che tutti possono ugualmente contribuire alla realizzazione dei progetti della Fondazione Uspidalet Onlus. Per noi della Fondazione Uspidalet è un grande premio godere della fiducia della popolazione. È grazie a questo rapporto che possiamo sostenere l’attività dei medici e il personale sanitario dei nostri presidi ospedalieri. Un ringraziamento speciale a Ilaria e Matteo, che hanno rinunciato ai loro regali di nozze, scegliendo la Fondazione come destinataria. Oltre a tutti gli altri numerosi benefattori che hanno sostenuto questo progetto: un grazie speciale anche ai i genitori dei bimbi che hanno pensato alle bomboniere solidali della Fondazione in occasione della Prima Comunione: Beatrice, Marta, Chiara, Maria Vittoria, Silvia, Alberto”.

Con queste parole la presidente della Fondazione Alla Kouchnerova ha salutato i donatori e il pubblico presente all’inaugurazione del nuovo videogastroscopio donato alla struttura di Pediatria dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria, diretta da Fernando Pesce.

Proprio il dottor Pesce ha illustrato le caratteristiche del nuovo apparecchio: “Il videogastroscopio è un nuovo importante strumento che ci dà la possibilità di effettuare in modo molto più efficace l’attività di diagnosi e terapia endoscopica per i più piccoli. La sala operatoria del presidio pediatrico dispone di una colonna endoscopica all’avanguardia dotata di una processore frutto di una precedente donazione dell’Avoi, che consente l’utilizzo, oltre che della luce bianca, di una luce a spettro selettivo verde-blu (Nbi: Narrow Band Imaging) che consente di visualizzare aree potenzialmente displastiche guidando la sede delle biopsie. Il nuovo apparecchio implementa quindi gli strumenti già in dotazione, consentendo una resa operativa nettamente superiore soprattutto per esaminare i pazienti più piccoli. Questo è davvero molto importante, soprattutto per un presidio pediatrico che svolge attività di Pronto Soccorso, Terapia Intensiva Neonatale e Pediatrica, Chirurgia Pediatrica e Gastroenterologia Pediatrica disporre di una strumentazione applicabile a pazienti di dimensioni molto diverse con pazienti che vanno dai 2 kg agli 80 - 100 kg di peso. Il suo utilizzo avviene infatti in urgenza nei casi di ingestione accidentale di corpi estranei e blocco di boli alimentari in esofago; in elezione per la diagnostica gastroenterologia (gastriti, esofagiti, malattia celiaca, malattia infiammatoria intestinale, malattia ulceroso-peptica, stenosi esofagee, ernia jatale, ecc) e per l’utilizzo in chirurgia pediatrica, compresa l’applicazione per via endoscopia di gastrostomie”.

Sono stati davvero numerosi i sostenitori del videogastroscopio, tra imprese e famiglie: Guala Closures (i dipendenti hanno promosso la Lotteria nella giornata dedicata ai “Bimbi in Ufficio”), Cedraci, Ppg, Bar Matteo di Gavi, Claudia Luisa Amisano, Michele Biglino e Luciana Grasso, Pio Scarsi e Fabrizio Caraccia di Novi, Antonio Chemello, Francesco Canestri, il Centro Galiberti. I donatori che hanno accolto l’appello Giacomo Lodi: Luigi Prato, Enrico Ricotti e Claudio, Gianni Guerra e Bruno, Giorgio Bailo, Massimo Boschetto, Boggio Sola, Cesare Balduzzi, Piero Martinotti.

Da non dimenticare tutti i sostenitori che hanno indicato il 5x1000 alla Fondazione nel 2011 e gli eventi promossi: l’Equiraduno 2014 dalla polisportiva di Borgoratto e il Ballo delle Debuttanti del 2014 dell’Associazione Fabulae di Ginevra Paternoster. Un ringraziamento anche a Laura Martini Breventani che ha voluto ricordare la sua mamma Rita partecipando concretamente a questo progetto. Così come ha voluto fare società Bisio Progetti, in memoria di Sergio Loi. E Nadia del Signore in memoria del papà Guido. 

Il direttore generale dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria, Nicola Giorgione, dichiara: “chi bene inizia è a metà dell’opera. Auspico che l’inaugurazione di oggi possa essere il portafortuna per la nostra Fondazione durante tutto il 2015, perché possa essere sempre più conosciuta, amata e utile ai pazienti dei nostri ospedali”.
30/01/2015

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano