Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Cremolino

Cremolino: lo zafferano nasce senza terra

Dà i primi frutti il progetto di Alessandro Piana e Enrica Gherpelli che per la loro azienda agricola hanno scelto l'areoponica e una coltivazione tradizionale del Monferrato. "Qui si sperimenta l'agricoltura del futuro"
CREMOLINO -  “Qui sono venuti gli olandesi per capire come abbiamo fatto”. Alessandro Piana e Enrica Gherpelli lavorano a loro progetto da quasi quattro anni. I primi frutti si vedono ora. “Qualche giorno fa – spiega lei, originaria di Cremolino, una laurea in legge e un lavoro da consulente a Genova – Abbiamo iniziato il primo raccolto”. “Come si riassume la nostra azienda? – prosegue lui, ex ingegnere informatico – Zappa e computer è una buona sintesi”. La storia l’avevamo già raccontata due anni or sono. Nel frattempo è nata una serra da 530 metri quadrati in un terreno un tempo coltivato a vigna. All’interno si coltiva lo zafferano. Ma al posto della terra una fitta rete di pannelli in pvc sopra le canaline. “Abbiamo scelto l’aeroponica – prosegue Alessandro – I bulbi sono sospesi da terra, diamo i nutrienti attraverso un sistema di canaline che permette di risparmiare e recuperare il 90% dell’acqua impiegata con i fertilizzanti”. A regolare il processo una centralina che regola anche la temperatura aprendo e chiudendo i pannelli del tetto. E’ diventato un progetto di ricerca il sogno di Alessandro e Enrica. Ad interessarsene è stato un ricercatore agronomo dell’Università di Bari. “Questo raccolto è il frutto di quanto piantato in agosto. I buchi per i bulbi sono 30 mila, speriamo di poter doppiare questo processo anche in uscita dall’inverno. Il fine ultimo? Commercializzare lo zafferano con il nostro marchio”. Una parte dello spazio ospita il laboratorio delle prove per vedere come rispondono i cavoli, l’aglio, le fragole, l'insalata e la rucola per alternare le coltivazioni a seconda della stagionalità. Nello spazio all’aperto crescono camomilla per la produzione di tisane e lavanda da cui ricavare biocosmetici e oli essenziali. “Tutto quel che abbiamo fatto – concludono i due – è stata un investimento, un’esperienza con l’obiettivo di rendere quest’azienda la nostra occupazione principale”.

 

29/10/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa