Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Colf e badanti, un corso gratuito per chi è senza lavoro

Iscrizioni aperte a Novi Ligure per il corso per diventare colf o badanti. Lo organizza la cooperativa Azimut in collaborazione con il Comune: il corso di formazione è gratuito ed è rivolto a disoccupati di ambo i sessi. Le lezioni prenderanno il via ad aprile
NOVI LIGURE – Iscrizioni aperte fino al 6 marzo per il corso per diventare colf o badanti. Lo organizza a Novi Ligure la cooperativa Azimut in collaborazione con il Comune: il corso di formazione è gratuito ed è rivolto a disoccupati di ambo i sessi. Le lezioni – della durata complessiva di 40 ore – prenderanno il via ad aprile e saranno dedicate al profilo dell’“assistente familiare”. Diverse le tematiche trattate: servizi alla persona, servizi domestici, normative e contratti di lavoro domestico. Al termine del corso sarà rilasciato un attestato di frequenza.

I posti per partecipare sono limitati. Le iscrizioni sono aperte fino al 6 marzo; seguirà un colloquio di idoneità. Le lezioni, con un numero minimo di dieci e massimo di venti iscritti, partiranno nel mese di aprile e si svolgeranno a Novi Ligure presso il municipio di via Giacometti 22.
Per informazioni e domande di iscrizione rivolgersi al Punto Giovani di via Marconi 66 (presso la biblioteca) il martedì dalle 9.30 alle 12.30 oppure telefonando allo 0143 322503.

Formare personale qualificato che possa stare a contatto con gli anziani è l’obiettivo del progetto “Resto a casa” promosso dalla cooperativa Azimut e finanziato dalla UniCredit Foundation. «Sappiamo che è un’esigenza delle famiglie di questo territorio trovare persone qualificate a cui affidare i propri cari. È un progetto innovativo riservato ai residenti del nostro territorio. Un’opportunità in più di qualificarsi per trovare un lavoro», ha spiegato Monica Milano, responsabile del progetto.
“Resto a casa” propone interventi finalizzati a creare lavoro e a dare risposte concrete e positive di conciliazione alle famiglie in difficoltà per la cura dei propri cari; si propone di selezionare, formare e accompagnare personale adeguato e attivare un servizio affidabile professionalizzando e incentivando la regolarizzazione di un settore sommerso.
23/02/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Stefano Guala è l'imprenditore dell'anno
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
Io lavoro 2018: occasione straordinaria per far incontrare domanda e offerta
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
La 'Marcia per l'acqua' contro la discarica di Sezzadio - 17 novembre 2018
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
Protesta sotto Palazzo Rosso: 194 volte senza paura!
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
La Psicomotricità Funzionale e il Training Attentivo Cognitivo Metodo Benso sbarcano ad Alessandria
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città (seconda parte)
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Dentro la Casa Circondariale: una prigione nel cuore della città
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: il metodo d'indagine sulla provincia di Alessandria
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Gig Economy: la ricaduta dell'economia del lavoretto sugli alessandrini
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Robur Siena 1-1, le foto di Gianluca Ivaldi