Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Economia e lavoro

Una sola Camera di Commercio 'monferrina'?

Nei prossimi giorni dovrebbe essere emanato l'ennesimo provvedimento per il riordino e l'accorpamento degli enti economici e riprende corpo l'ipotesi di Alessandria che si fonde con Asti, però a Novara cosa potrebbe accadere?
ECONOMIA – Da un ente camerale del Piemonte Orientale (come l'Università e Confindustria) a un più piccolo ente del Monferrato? Forse la discussione sull'accorpamento delle Camere di Commercio può non appassionare il grande pubblico, però quello che sta per accadere determinerà delle ricadute sull'intero sistema imprenditoriale dato che tutte le aziende sono iscritte nel Registro imprese e l'ente economico è l'unico legittimato a gestire pratiche e servizi, oltre a erogare le (poche) risorse per iniziative di sviluppo. La Camera di Commercio di Alessandria guidata da Gian Paolo Coscia ha previsto, per esempio, nel Bilancio previsionale 2017 circa un milione e 350.000 euro per l'economia alessandrina. Ma cosa accadrà dal prossimo anno, quando la riorganizzazione dovrà essere definitivamente avviata?

La riforma prevede infatti accorpamenti delle Camere, riassetto degli uffici e del personale, razionalizzazione delle aziende speciali (come Asperia nel caso di Alessandria). A livello nazionale devono passare da 105 a 60. E in Piemonte cosa accadrà? I conti sono facili da fare: Torino e Cuneo rimangono così come sono per le dimensioni che hanno, mentre il nord con il Verbano in base alla posizione di confine non verrà modificato, mentre Vercelli e Biella hanno completato già il processo. Restano gli altri territori dove adesso sembra riprendere corpo l'ipotesi originaria di una aggregazione fra Alessandria e Asti, magari nel nome di quel Monferrato che si sviluppa su entrambi i territori. All'inizio di giugno potrebbe essere finalmente emanato uno dei provvedimenti attesi nell'ambito della legge delega che dovrebbe avere recepito alcune proposte di UnionCamere rispetti ai criteri di accorpamenti su base geografica.

E allora Alessandria andrà verso Asti? Nella sede di via Vochieri 58 le bocche sono cucite, se le trattative sono in corso nessuno è però pronto a dirlo ufficialmente, ma alcune fonti interne dicono che qualche passo avanti si sta facendo. Con la prossima settimana potrebbe essere tutto più chiaro, cominciando dai Bilanci (quello di Alessandria è positivo, mentre Asti è in sofferenza), ma senza dimenticare i limiti minimi fissati dalla riforma e il fatto che se nascesse l'ente economico 'del Monferrato', Novara resterebbe da sola. E questo la legge non lo consentirebbe. Infatti la soglia minima è fissata in 75.000 imprese iscritte. Ecco come stanno Alessandria, Asti e Novara: la prima ha 55.000 imprese iscritte, la seconda supera le 24.000 e la terza si attesta su 30.000.  
29/05/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa