Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Ovada

Treni liguri: la Regione attende l'inchiesta della Procura

In una riunione convocata con la presenza di poche associazioni dei pendolari gli indirizzi per il prossimo futuro. No a aumenti nel 2018. Il Comitato Valli Orba e Stura: "Necessario rinviare la firma del nuovo contratto"
 OVADA - La Regione procederà nei confronti di Trenitalia soltanto a valle delle decisioni della Procura. A comunicare la decisione è stato l’Assessore ai Trasporti della Regione Liguria, Giovanni Berrino, nell’ambito del tavolo tecnico convocato per lo scorso 27 dicembre. Il riferimento è all’inchiesta aperta dopo i disservizi verificatisi tra il 10 e l’11 dicembre scorsi a causa dell’oramai tristemente noto fenomeno del gelicidio, quella patina che si forma sui cavi dell’alimentazioneche di fatto rende particolarmente difficoltosa la circolazione dei treni. L’inchiesta serve ad appurare eventuali responsabilità nelle carenze di gestione, di organizzazione e di assistenza che si sono verificate nelle giornate sopracitate: Rete Ferroviaria Italiana ha attivato un piano antigelo? Si è cercato di offrire, di concerto con Trenitalia, un servizio sostitutivo adeguato? A fronte di quanto accaduto, la Regione si limiterà ad inserire una clausola nel nuovo contratto di servizio. Il piano di interventi di Trenitalia, da attuare in caso di allerta o situazioni meteorologiche avverse, non dovrà solo essere comunicato alla Regione, bensì anche validato dalla stessa e si dovrà aggiornare annualmente. L’aggiornamento verrà presentato in sede di tavolo tecnico e condiviso con le Associazioni pendolari. Eventuali penali comminate in caso di mancato rispetto del piano operativo di interventi saranno destinate agli utenti della linea interessata dai disagi.

“Questa riunione – commentano dal Comitato Trasporti Valli Orba e Stura – è stato convocato in grande fretta e per questo mancavano i rappresentati di alcune importanti associazioni come
Comitato Pendolari del Levante Ligure, Comitato Pendolari Savona-Genova. L’Assessore Berrino ha comunicato nel 2018 non ci saranno aumenti tariffari e che a partire dal annunciato che, a partire dal 2021. sarà previsto dal contratto di servizio che i benefici economici provenienti da eventuali incrementi di produttività delle linee liguri (crescita del numero di passeggeri e dei ricavi per Trenitalia, secondo i trend attualmente in vigore) si ribaltino positivamente anche sulle linee stesse, con aumento del numero di treni ed invarianza tariffaria. Nel contempo, nei primi mesi del 2018 arriveranno i primi treni “Jazz” per lo svecchiamento del materiale sulle linee liguri. Il comitato insoddisfatto di quanto emerso nel tavolo tecnico del 27 dicembre e ritiene che vada convocato un nuovo tavolo immediatamente dopo le festività, onde permettere una maggiore partecipazione a tutti i Comitati, sperando così di influire in maniera più incisiva sulle regole del contratto di servizio, la cui firma è necessario rimandare".

2/01/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano