Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Provincia

Scuola nel caos: "manca personale"

Il ministero ha autorizzato un organico inferiore alle necessità nella scuola dell'obbligo. Manca soprattutto personale amministrativo, tecnico e collaboratori scolastici. Sindacati ancora sul "piede di guerra". Venerdì incontro in Regione con la Direzione Scolastica
PROVINCIA - Rischia di essere un altro avvio nel caos per le scuole della Provincia. A lanciare l'allarme sono, ancora una volta, i sindacati che venerdì 25 agosto incontreranno la Direzione Scolastica regionale nel tentativo di "far quadrare i conti".
A mancare è soprattutto il personale amministrativo e tecnico, dirigenti ed assistenti. Stando ai dati oggi disponibili, sono una settantina i posti vacanti, tra assistenti e dirigenti.
Diciannove sono i dirigenti mancanti e il ministero ha autorizzato l'inserimento di solo nove unità. "Ma anche queste nomine non si potranno effettuare, essendo le graduatorie da tempo esaurite", fa presente Carlo Cervi di Cisl Scuola. I posti, quindi, "saranno coperti, con nomine a tempo determinato, da assistenti amministrativi che hanno maturato questa esperienza negli ultimi anni". 
Per gli assistenti, il ministero ha autorizzato, sempre per la provincia, tredici posti, a cui si potranno aggiungere un tecnico e 23 collaboratori scolastici.
"Sono numeri di molto inferiori alle necessità, perchè sono anni che non vi sono assunzioni in ruolo di personale Ata, nemmeno per coprire il normale turn-over dei pensionamenti. I provvedimenti sull’organico di fatto, dalle prime informazioni che ci pervengono, non soddisferanno comunque pienamente il fabbisogno". 

Le segreterie delle scuole sono costrette, ogni anno, a fare salti mortali per fare quadrare i conti. "Quella degli organici è un’emergenza che si trascina ormai da lungo tempo, con gli uffici regionali costretti ogni anno ad autorizzare posti in deroga, pena l’impossibilità di garantire in molti casi i livelli minimi di servizio", aggiungono i sindacati.

Il problema è sentito soprattutto nelle scuole dell'infanzia e nelle primarie e negli istituti comprensivi dove è presente un solo assistente, con un numero di alunni che sfiora il centinaio, come a Ticineto, Felizzano, Solero, Fubine. "Si fa ricorso, a volte, a personale “a scavalco”, con personale proveniente da scuole di altro ordine, per rattoppare l'emergenza", dice Cervi. I sindacati, a livello nazionale, hanno avanzato l'ipotesi di confermare per il nuovo anno scolastico almeno gli organici dell'anno precedente. Ma la risposta non è ancora arrivata. 
22/08/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook

Alecomics: in Cittadella il festival del Fumetto, dell'Animazione e del Gioco Intelligente
Alecomics: in Cittadella il festival del Fumetto, dell'Animazione e del Gioco Intelligente
Alessandria-Livorno, il dopo partita
Alessandria-Livorno, il dopo partita
Sentiero 577: il percorso degli Alpini di Montechiaro
Sentiero 577: il percorso degli Alpini di Montechiaro
Alla Kouchnerova parla delle innovazione del progetto Lara
Alla Kouchnerova parla delle innovazione del progetto Lara
Si avvia il progetto Lara all'ospedale di Alessandria
Si avvia il progetto Lara all'ospedale di Alessandria
Cos'è Rugbytots?
Cos'è Rugbytots?
Pro Piacenza-Alessandria 1-1. Il dopo partita
Pro Piacenza-Alessandria 1-1. Il dopo partita
Sentiero 537: da Acqui Terme al borgo di Cavatore
Sentiero 537: da Acqui Terme al borgo di Cavatore
Presentati i nuovi autobus di Amag Mobilità
Presentati i nuovi autobus di Amag Mobilità
Aperto per Cultura 2017
Aperto per Cultura 2017