Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Cronaca

"Buttafuori" in nero e agenzia senza permesso fermati dai Carabinieri

L'indagine partita dai Carabinieri di Capriata d'Orba ha coinvolto anche l'ispettorato del Lavoro: 23 "buttafuori" svolgevano servizi di sicurezza in locali notturni e alle sagre o manifestazioni della zona. Due denunciati
CRONACA - Ventritré buttafuori "in nero" prestavano servizio in locali notturni, associazioni e pro loco del territorio, per conto di un'agenzia di investigazioni privata del novese che non era iscritta nell'albo della Prefettura.
Vasta operazione partita dai carabinieri di Capriata d'Orba che ha coinvolto anche il nucleo dell'ispettatato del lavoro e la direzione dell'ispettorato ed ha portato alla denuncia di due persone, un uomo ed una donna.
L'agenzia forniva su richiesta di associazioni, tra cui diverse pro loco, o locali, probabilmente ignari dell'assenza dei requisiti richiesti per legge, personale di vigilanza in occasione di eventi e sagre.
Ai "buttafuori", reperiti nel giro dei frequentatori di palestre, forniva anche il tesserino di riconoscimento con la scritta "autorizzato Prefettura di Alessandria" e la divisa. Ma era tutto falso. 
Per effetto della legge sulla sicurezza del 2009, le agenzie che operano nel settore devono infatti essere iscritte ad un albo apposito, tenuto dalla Prefettura, avere determinati requisiti e il personale deve seguire corsi di formazione specifici, nell'ambito del primo soccorso e antincendio.
I "buttafuori", invece, non era neppure assunti con regolare contratto, ma pagati per serata, tra i 50 e i 70 euro. E naturalemnte l'agenzia non versava loro neppure i contributi. 

Gli stessi body guard potrebbero essere stati tenuti allo scuro del fatto che il datore di lavoro non aveva i requisiti. Lo appurerà l'indagine, che non è ancora conclusa.
Sarebberoventi i locali e le pro loco che dal 2015 si sono avvalsi dei servizi dell'agenzia. Ventitré il numero dei “buttafuori” reclutati nell'arco del periodo preso in considerazione.
Sarebbe infine spettato agli utilizzatori del servizio verificare i requisiti di iscrizione presso l'albo prefettizio. Come appare probabile, si sono invece fidati della presentazione, magari tramite passaparola, dei responsabili dell'agenzia, ora denunciati.
Al termine delle prime indagini, sono state elevate sanzioni per 99 mila euro all'agenzia per l'impiego di personale in nero; oltre 45 mila euro di sanzione per l'omessa iscrizione all'albo; 28.240 euro all'agenzia per il mancato versamento dei contributi spettanti ai buttafuori; 1.666 euro ai gestori di locale o associazione che hanno utilizzato il servizio. Stessa cifra dovranno anche pagare i singoli body guard.
23/02/2018

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali