Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Provincia

Monferrato Patrimonio dell'Umanità: "un successo, ma ora diamoci da fare"

Il presidente dell'Associazione Unesco, Gianfranco Comaschi, commenta con soddisfazione il riconoscimento del sito Langhe-Roero e Monferrato come Patrimonio dell'Umanità. "Frutto del lavoro di squadra - commenta - ma adesso diamoci da fare"
PROVINCIA - "Mi conoscete, non sono incline a dichiarazioni di questo tipo, ma la notizia che ce l'avevamo fatta, che il sito Langhe-Roero e Monferrato era finalmente diventato Patrimonio dell'Umanità è stata un'emozione davvero grande". A parlare, visibilmente soddisfatto per il riconoscimento ottenuto, è Gianfranco Comaschi, vicepresidente della Provincia e presidente dell'Associazione Unesco.  
 
"Dopo tanti anni di impegno, di lavoro di squadra - prosegue- ci troviamo di fronte ad un risultato importante e meritato. La nostra presentazione ha impressionato la commissione, che non ha potuto far altro che approvare e sottolineare positivamente aspetti da noi già illustrati: si tratta di un dettaglio importante, dal momento che nella precedente richiesta eravamo stati rimandati, penalizzati dal fatto che, quando si parla di Italia, il paese con più siti Unesco al mondo, tutto deve essere molto più che perfetto".

Un progetto che nasce dal basso, spiega Comaschi, "prima dai Comuni delle zone, poi delle tre Province e della Regione, che ha trovato in Ugo Cavallera un attento interlocutore. Ognuno di noi ha contribuito, lavorando per raggiungere l'obiettivo: un grazie particolare va alla Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria che negli ultimi due anni ha finanziato l'Associazione Unesco". La provincia alessandrina è l'area più vasta del progetto, con il coinvolgimento di diversi comuni e numerosi territori.

Questo, però, non è bastato ad allontanare le polemiche. "Ci dispiace che ci siano state lamentele - prosegue Comaschi - e non è vero che territori,come Acqui Terme, sono stati tagliati fuor. Da parte nostra c'è la volontà di dialogare, di coinvolgere e di valorizzare, all'insegna del confronto. Il vero impegno - conclude - inizia ora: dobbiamo immediatamente metterci al lavoro per far sì che il risultato raggiunto si traduca in benefici sul piano culturale, turistico, economico del territorio. Un pensiero, in particolare, ai giovani, per i quali questo momento può significare un'opportunità positiva, nella speranza che non abbandonino la nostra provincia".
 


26/06/2014

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa