Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Fubine Monferrato

Mi - Mate Monferrato Infernot Music Art Taste Experience

Venerdì 15 settembre un evento per valorizzare il tesoro del Monferrato e degli infernot: street food e vini locali, esposizione di artisti, jazz session e live instant painting and modeling
FUBINE MONFERRATO – Si terrà venerdì 15 settembre Mi – Mate Monferrato Infernot Music Art Taste Experience. L'appuntamento è in piazza Colombo e nell’Infernot attiguo alla piazza dalle 18 fino a mezzanotte. Per la prima volta il centro del paese e il Belvedere diventano il teatro di un evento unico che valorizza il buono e il bello del Monferrato. Fubine Monferrato è un piccolo paese con un meraviglioso centro storico che rientra nella componente 6 “Il Monferrato e gli Infernot” dell’Associazione per il patrimonio dei paesaggi Vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato, patrimonio Unesco.

Gli infernot sono delle strutture che risalgono al '700-'800 e sono strutture tipiche del basso Piemonte e del Monferrato, solitamente venivano costruite dai contadini durante l’inverno e venivano utilizzate per la conservazione del vino. Alcuni infernot, quelli più grandi che appartenevano ad esempio ai preti o ai signori possidenti, avevano una cella ghiacciaia che permetteva di conservare anche alcuni alimenti. Le strutture sono di due tipologie, pietra dura o materiale simile all’arenaria, sono costruite sotto il livello della cantina per mantenere una temperatura costante di 12-14 gradi e sono composte da cunicoli, nicchie e talvolta da celle ghiacciaie.

Mi – Mate vuole valorizzare Il Monferrato e il tesoro degli Infernot (in questa serata sarà visibile quello del 1746 attiguo al Comune, uno dei più antichi di Fubine e l’unico dotato di un’antica ghiacciaia), la bellezza del paesaggio e del Belvedere di Fubine Monferrato con l’arte, la musica e il gusto del Monferrato. L’evento inizia alle 18 e termina a mezzanotte. Piazza Colombo verrà allestita ed ospiterà lo street food curato interamente da Rovida Signorelli e i vini d’eccellenza dei produttori locali. A partire dalle 21 gruppi di persone saranno accompagnati all’interno dell’Infernot e nelle cantine attigue per ascoltare la storia degli infernot ammirando le opere d’arte degli artisti che saranno esposte in questa particolare occasione.

Inoltre all’interno delle cantine ci sarà una jazz session di Giorgio Penotti e Stefano Solani che ispireranno la live instant painting and modeling di Davide Minetti e Giovanni Bonardi.

L’idea e l’organizzazione del format artistico e culturale è frutto della collaborazione tra At Media s.r.l. e l’Associazione Monferrato 2020 e l’organizzazione degli allestimenti e lo street food sono curati interamente da Davide Valsecchi con la collaborazione d’autore di Rovida Signorelli.
13/09/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook

Sentiero 727: da Pieve di San Giovanni al Santuario di Crea
Sentiero 727: da Pieve di San Giovanni al Santuario di Crea
Lo stadio Moccagatta a due settimane dalla riapertura
Lo stadio Moccagatta a due settimane dalla riapertura
Notte dei Ricercatori: edizione da record su cibo, salute e ambiente
Notte dei Ricercatori: edizione da record su cibo, salute e ambiente
Sentiero 615: l’itinerario Valenza - Bassignana - Rivarone
Sentiero 615: l’itinerario Valenza - Bassignana - Rivarone
Alecomics: in Cittadella il festival del Fumetto, dell'Animazione e del Gioco Intelligente
Alecomics: in Cittadella il festival del Fumetto, dell'Animazione e del Gioco Intelligente
Alessandria-Livorno, il dopo partita
Alessandria-Livorno, il dopo partita
Sentiero 577: il percorso degli Alpini di Montechiaro
Sentiero 577: il percorso degli Alpini di Montechiaro
Alla Kouchnerova parla delle innovazione del progetto Lara
Alla Kouchnerova parla delle innovazione del progetto Lara
Si avvia il progetto Lara all'ospedale di Alessandria
Si avvia il progetto Lara all'ospedale di Alessandria
Chaves e la Divina Commedia
Chaves e la Divina Commedia