Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Provincia

Coltivazioni a rischio per il repentino abbassamento delle temperature

Preoccupazione per l’allerta neve prevista per le prossime ore. Mobilitati anche gli agricoltori della Coldiretti per garantire la pulizia delle strade e assicurare un tempestivo intervento
PROVINCIA -  Scende la colonnina di mercurio, a causa dall'arrivo di un nucleo di aria gelida polareproveniente dalla Groenlandia, e sale la preoccupazione per verdure e ortaggi, dopo che i primi venti giorni di gennaio in Italia hanno fatto registrare una temperatura massima superiore di circa 3 gradi a quella media del periodo.
L’andamento anomalo del mese di gennaio, secondo Coldiretti e le analisi effettuate sui dati Ucea, conferma i cambiamenti climatici in atto che si manifestano proprio con la più elevata frequenza di eventi estremi con sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense e un maggiore rischio per gelate tardive.

"L’improvviso abbassamento della temperatura  rischia di provocare danni ingenti alle coltivazioni in campo. In “pericolo” ci sono le verdure e gli ortaggi e se il periodo di grande freddo si prolungherà il bilancio rischia di essere particolarmente pesante per le coltivazioni invernali in campo come cavoli, verze, cicorie, radicchio e broccoli" - affermano Roberto Paravidino e Simone Moroni, presidente e direttore della Coldiretti alessandrina, nel commentare gli effetti del brusca diminuzione delle temperature: "In pianura le più esposte sono le verdure e gli ortaggi coltivati all’aperto mentre per quelle in serre occorre affrontare i maggiori costi del riscaldamento".

Ma a preoccupare è soprattutto il rischio di gelate e le successive, immotivate, speculazioni che potrebbero esserci sui prezzi dei prodotti agroalimentari.

Nessun problema, "per i prodotti già raccolti da tempo come mele, pere e kiwi che – aggiungono Paravidino e Moroni – non potranno assolutamente subire alcun innalzamento dei prezzi. Invitiamo quindi chi deve acquistare ortaggi, frutta e verdure a recarsi nei punti vendita di Campagna Amica, nei mercati dei coltivatori, dove non correranno questo tipo di rischio grazie alla rintracciabilità della filiera corta".

In vista della nevicata in Alessandria e provincia sono molte le imprese agricole in grado di assicurare un tempestivo intervento a livello territoriale e non solo: non pochi trattori, infatti, vengono mobilitati per assicurare lo sgombero neve anche in altre aree del Basso Piemonte.
"Per pulire le strade sono stati mobilitati anche gli agricoltori della Coldiretti – concludono Paravidino e Moroni - i quali utilizzeranno i trattori come spalaneve e spandiconcime adattati per la distribuzione del sale contro il pericolo del gelo".
La figura dell’ "agricoltore spazzaneve" è nata grazie alla legge di orientamento che consente alle pubbliche amministrazioni di stipulare convenzioni con gli agricoltori per lo svolgimento di attività funzionali "alla sistemazione e manutenzione del territorio" anche attraverso l'utilizzo di mezzi meccanici agricoli.
















 
29/01/2014

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Mostra veri corpi al Centro Congressi Alessandria
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Gioco d'azzardo: i conti non tornato
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Uici, cinque posti letto per studenti fuori sede
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Il Decreto Sicurezza spacca gli Enti Locali
Grave episodio a Tortona
Grave episodio a Tortona
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Sindacati in piazza contro il Governo: tagli inaccettabili alle pensioni
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Ex Simple Minds trascinatori della festa di Capodanno
Inaugurato il Bosco Rotariano
Inaugurato il Bosco Rotariano