Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Cronaca

Agenzia per falsi matrimoni, due arresti in Provincia

Smantellata dai carabinieri di Savona una agenzia che organizzava falsi matrimoni per ottenere ai clienti permessi di soggiorno. Coinvolti una donna di Casale che si offriva come sposa e un uomo residente sempre nel casalese
CRONACA – Pagavano dai 10 mila ai 12 mila euro per una sposa, la cerimonia con tanto di servizio fotografico e bouquet, testimoni. Tutto incluso, anche la possibilità di ottenere il permesso di soggiorno.
I carabinieri di Savona, guidati dal comandante Dionisio De Masi, con il colonnello del reparto operativo Alessandro Ciuffolini e il capitano Alberto Azara del nucleo investigativo hanno smantellato una rete che faceva capo a cinque soggetti che operavano ad Albenga. Si tratta di quattro stranieri e un italiano: sono Hamid Tarik, 37 anni, residente a Savona; Khadija Nasser, 49, Albenga; Hatim Elasraoui, 35, Savona; Said Assouli, 46, Cairo Montenotte, Luigi Accattatis, 62, Merana (Alessandria).
Quindici le “spose” finite ai domiciliari, tutte italiane, ad eccezione di una polacca, che si prestavano all'inganno, in cambio di denaro. Tra queste anche una donna di 28 anni, residente a Casale.
L'agenzia procurava clienti, soprattutto nel nord dell'Africa, proponendo una sorta di pacchetto che comprendeva viaggio, cerimonia e regolarizzazione. Una quindicina i falsi matrimoni celebrati, ricostruiti attraverso le indagini dei carabinieri.
L'organizzazione pensava a tutto, poi riscuoteva la somma: una parte come anticipo, il saldo a matrimonio avvenuto. Metà della somma, circa 5 mila euro, andava alla finta sposa italiana. Il passo successivo dell'organizzazione sarebbe stato quello di trovare spose straniere, già con permesso di soggiorno definitivo, perchè “meno care” rispetto alle italiane.
A dare avvio alle indagini è stato il nome di una donna che risultava in due pratiche di matrimonio. L'inchiesta ha portato gli inquirenti a ricostruire poco a poco la complessa rete che aveva le sue attività in Liguria, Piemonte, Lombardia.
10/01/2017

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sentiero 200: sul Monte Giarolo partendo dalla val Borbera
Sentiero 200: sul Monte Giarolo partendo dalla val Borbera
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione