Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Tavolo PEBA: "abbattiamo le barriere e diamo a tutti la possibilità di muoversi in autonomia"

Prima seduta del Tavolo per elaborare i Piani di eliminazione delle barriere architettoniche cui hanno preso parte l'amministrazione comunale alla presenza anche del Disability Manager, gli ordini professionali di geometri, architetti e ingegneri, l'Università del Piemonte Orientale e le due associazioni Fand e Fish. 250 mila euro per il triennio 2019-2021 "per rendere fruibile a tutti gli spazi e gli edifici pubblici". Si punta su mobilità e scuole
 ALESSANDRIA - L'obiettivo del Tavolo PEBA è quello di “migliorare la città e renderla per tutti fruibile”. La redazione dei Piani di eliminazione delle barriere architettoniche è normata dalle Leggi 41/1986 e 104/1992 in base alle quali ogni amministrazione comunale deve creare progetti per arrivare a “rendere fruibili e vivibili a tutti gli spazi e gli edifici pubblici”. Ed è questo il lavoro 'operativo' cui il Tavolo dovrà iniziare a mettere mano dall'incontro del 19 marzo: il primo vero appuntamento per individuare le strutture e gli edifici pubblici di Alessandria (con precedenza per gli edifici scolastici, visto che quasi tutte le scuole superiori cittadine non sono accessibili, fatto salvo il Vinci-Migliara), senza dimenticare precisi “percorsi urbani” senza barriere architettoniche, che guardano quindi alla “mobilità di tutti per vivere insieme la quotidianità della vita” come hanno ricordato Paola Testa, Disabilty Manager del Comune di Alesandria insieme agli assessori Giovanni Barosini e Piervittorio Ciccaglioni. “Si procederà quindi a redigere schede dettagliate degli interventi, il programma specifico, per lotti, delle operazioni previste e ad affidare conseguentemente gli incarichi esterni per lo svolgimento dei lavori” come ha precisato il dirigente, Giampiero Cerruti.
La buona notizia che arriva dalla giunta comunale è che alle idee da cui partire e alla loro scrittura nero su bianco nei progetti, potra seguire la realizzazione grazie alle risorse stanziate per questi PEBA: 250 mila euro per il triennio 2019-2021 con l'accensione di un mutuo a Cassa Depositi e Prestiti. Cui si aggiungono “600 mila euro già stanziati a bilancio nelle opere pubbliche per i primi interventi sui marciapiedi cittadini”.

Alle risorse monetarie si aggiungono i primi piccoli ma importanti interventi di alcuni degli attori seduti al Tavolo: gli ordini professionali degli Ingegneri della provincia di Alessandria, degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Alessandria, del collegio provinciale Geometri e Geometri Laureati di Alessandria e della Associazione Geometri e Geometri Laureati. “Ci possono essere interventi di rapida attuazione con delle modifiche al regolamento edilizio o al rilascio delle concessioni a costruire per evitare di commettere gli errori del passato” sono state le parole dell'ingegner Bolloli. “In passato abbiamo avuto colpe – ha aggiunto l'architetto Stefano Antonio Chiodi – Oggi cerchiamo di recuperare con la formazione e cercando di progettare con una nuova visione sia sull'esistente che sul nuovo”. La necessità primaria è quella di “analizzare le criticità per trovare delle soluzioni concrete, cioè realizzabili” come ha sottolineato il geometra Fabio Dotto. Questo è infatti il ruolo che svolge all'interno del tavolo anche la presenza dell'Università del Piemonte Orientale con la professoressa Roberta Lombardi: “arrivare a portare a vivere una vita indipendente alle persone con disabilità. Tutti gli studi universitari in questo campo hanno un senso se trovano applicazione concreta in esperienze come questa”. L’iter procedurale che ha portato all’odierno incontro ha preso avvio dall’approvazione da parte della giunta comunale di un documento che detta le linee che possono consentire ad Alessandria di sviluppare un “percorso di eccellenza” e diventare “città-pilota”, nell’ambito dell’Anci-Associazione Nazionale Comuni Italiani, per quanto riguarda gli strumenti e le politiche di inclusione che hanno nei PEBA un elemento peculiare e primario.

Necessaria la partecipazione al Tavolo delle associazioni direttamente coinvolte: la Fish – Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap e la Fand – Federazione tra le Associazioni Nazionali delle persone con Disabilità. “Non dimentico il mio anno da prigioniero in casa perché nulla era accessibile e allora si era schiavi delle barriere architettoniche – ha ricordato il vice presidente Fish, Paolo Berta – Non potevo andare in Comune, ma nemmeno al cinema nè prendere un mezzo pubblico per recarmi a lavoro”. Nel 1992 venne predisposto dal Comune di Alessandria un lungo elenco di luoghi dove intervenire: “a distanza di 25 anni le cose sono cambiate e anche l'elenco è meno corposo. Ma il nostro compito oggi è anche di indicare come le cose devono essere realizzate affinché davvero siano per tutti”. “Senza crearne di nuove, ovvimente” ha aggiunto Renato Peola presidente de “Il Sole Dentro”.

Di barriere mentali e sensoriali ha parlato il vice presidente della Fand, Paolo Bolzani. “Chiediamo di poter essere autonomi e avere la vita più normale possibile”. Alessandria è una città ostica in questo: bisogna intervenire anche sulla cultura del rispetto, “perché sarà inutile realizzare strisce pedonali per non vedenti se poi parcheggiate sopra ci saranno le automobili”. E poi analizzando le maggiori criticità, si rivolge anche alla attenzione per le opere di nuova costruzione: “non più opere come il ponte Meier! Che non ha un impianto semaforico con segnale acustico!”.

Insomma le idee ci sono (e non sono i singoli gradini dei marciapiedi di ordinaria amministrazione), ora bisogna trasformarle i progetti e programmi per realizzarle negli anni, “superando anche l'alternarsi delle amministrazioni che verranno. Questo Tavolo deve portare avanti il suo lavoro” sono state le parole di sentenza di Barosini.
8/03/2019

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani