Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

Sportello casa, sinergia fra Comune e Azimut

Continua sul territorio di Novi Ligure l’impegno a occuparsi dell’emergenza casa. Grazie al finanziamento ottenuto dalla fondazione Social, la cooperativa sociale Azimut, in collaborazione con il Comune di Novi Ligure, sta riattivando lo “Sportello casa”
NOVI LIGURE - Continua sul territorio di Novi Ligure l’impegno a occuparsi dell’emergenza casa. Grazie al finanziamento ottenuto dalla fondazione Social, la cooperativa sociale Azimut, in collaborazione con il Comune di Novi Ligure, sta riattivando lo “Sportello casa”.
Verrà offerto un servizio gratuito per i residenti a Novi o per coloro che vi lavorano stabilmente. Da un lato, l’intenzione è sostenere i potenziali inquilini che, pur disponendo di un reddito certo necessitano di un supporto per accedere alla locazione; dall’altro i proprietari, garantendo loro importanti agevolazioni fiscali e maggiori garanzie.

Inoltre l’amministrazione comunale ha aderito alle misure di intervento previste dalla Regione Piemonte a favore delle politiche abitative e in particolare al Fondo Morosità Incolpevole e l’Agenzia Sociale per la Locazione, accedendo ad appositi finanziamenti regionali.
"Sia l’Agenzia Sociale per la Locazione che il Fondo Morosità Incolpevole – ha spiegato l’assessore agli Affari sociali Felicia Broda – sono già state attivate dal nostro Comune e a oggi stiamo portando a buon fine alcune richieste di contributo in entrambe le misure".

Lo sportello continuerà a svolgere la propria opera di accompagnamento alla locazione nel mercato privato da parte di famiglie in particolari condizioni sociali. "Questi fondi regionali – puntualizza il vicesindaco – permettono di sostenere un sistema di incentivi finalizzato a promuovere l’applicazione di contratti di affitto a canone concordato tra i privati".

L’Agenzia Sociale prevede l’erogazione di un contributo a fondo perduto a fronte della sottoscrizione di nuovi contratti di locazione a canone concordato da destinarsi in parte alla copertura da quattro o otto mensilità di affitto in relazione alla fascia di Isee di appartenenza e un ulteriore contributo per il proprietario da un minimo di 1.500 euro a un massimo di 3 mila, in relazione alla durata del contratto.

Con il Fondo per la morosità incolpevole, il Comune, in caso di sfratto esecutivo, può intervenire sulle morosità pregresse evitando il rilascio dell’immobile e consentendo così alle famiglie di continuare ad abitare nello stesso alloggio, con un nuovo contratto di locazione agevolato che può essere attivato tramite l’Agenzia sociale con le modalità sopra specificate.

Per informazioni più dettagliate occorre rivolgersi all’ufficio Affari Sociali (tel. 0143 772278) o allo Sportello del Cittadino (tel. 0143 77227).
28/11/2016

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Sentiero 413: sul Monte Pracaban partendo dalle Capanne di Marcarolo
Sentiero 413: sul Monte Pracaban partendo dalle Capanne di Marcarolo
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione