Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Alessandria

Rossa: "Domani a Roma per chiedere ciò che ci spetta"

Con l'ultimo incontro di ieri mattina in Prefettura tra il sindaco, il prefetto e i sindacati si può dire "risolto" il caso di Atm e di Aspal. Resta invece ancora critica la situazione di Amiu. Domani il sindaco incontrerà a Roma il sottosegretario per proporre alcune misure correttive alle norme sul dissesto, come l'anticipazione Irpef alle casse comunali
10:20 "Andremo a Roma per chiedere ciò che ci spetta"
In conferenza stampa il sindaco Rita Rossa conferma le misure che consentono di garantire i flussi finanziari per gli stipendi di dipendenti e partecipate. Domani, venerdì, sarà a Roma per incontrare il sottosegretario Catricalà al quale proporrà l'istituzione di tavoli tecnici per arrivare ad alcune modifiche alle norme sul dissesto in modo da consentire una migliore gestione dell'ente: "anticipazione dell'Irpef nelle casse comunali e quota Imu a favore del Comune del 60% (invece del 40% attuale) almeno, oppure anche tutto a beneficio del Comune". Dice il sindaco: "non andiamo a chiedere aiuti ma a chiedere ciò che ci spetta. Imu e Irpef sono soldi raccolti dagli alessandrini, con fatiche. Poichè la città è in dissesto ed è in atto un risanamento, chiediamo solo che non ci tolgano la possibilità di continuare a vivere come comunità".
 


Con oggi si dovrebbe chiudere definitivamente la partita delle partecipate e delle loro criticità. Il risultato, dopo l'ultimo incontro di ieri tra il prefetto Tafuri, il sindaco Rossa e le organizzazioni sindacali, sembra potersi dire positivo per Atm e Aspal.
La società di trasporti, infatti, oltre ai 2 milioni arrivati dalla regione Piemonte, con ogni probabilità riceverà un altro milione dall'Organismo Straordinario di Liquidazione. Infatti i tre commissari si sono detti disponibili a svincolare la somma di un milione di euro, che rappresenta il credito di Atm dell'anno 2011. Questo denaro fa sempre riferimento al Fondo Regionale per i Trasporti, che dalla Regione passa al Comune che dovrebbe poi "girarlo" all'azienda. Questa somma, relativa al 2011, è rimasta "imprigionata" nel dissesto. Ma l'Organismo Straordinario di Liquidazione sembra orientato nel "liberare" questi soldi, visto che rappresentano denaro comunque vincolato e quindi utilizzabile dalla sola società di trasporto pubblico alessandrina. Con un totale di 3 milioni in cassa, per tutto l'anno Atm si dovrebbe poter dire "tranquilla e salva".

Anche Aspal, tra la galassia delle partecipate, sembra essere riuscita a trovare una via di scampo. L'apertura di credito da parte della Banca di Legnano che doveva essere di 250 mila euro, si riduce a 70 mila euro. Ma questo perché ad Aspal saranno pagate tutte le fatture arretrate da parte di Atm. L'azienda trasporti infatti pagherà una parte di quello che gli deve, e così Aspal non avrà più bisogno di grandi risorse dagli istituti bancari e dal Comune, "sopravvivendo con una certa autonomia".  

Chi resta in una situazione critica è invece Amiu, l'azienda di raccolta e trasporto rifiuti. Per questo mese sono salvi sia gli stipendi, che le spese urgenti (come la benzina), ma solo grazie alla concessione di credito "a breve" da parte del Comune. I 750 mila euro, infatti, vengono prelevati dal fondo anticipazioni di cassa dell'Ente, con l'obbligo per Amiu di restituzione entro, e non oltre, il 31 dicembre 2012. Purtroppo l'accordo di cessione dei crediti stipulato con la Barclays è ancora aperto e il timore è che il prossimo mese la storia si ripresenti tale e quale.

Ma in tutto ciò, come se la passa Palazzo Rosso? Con i 750 mila euro in meno da dare ad Amiu, il fondo cassa del Comune resta con poco più di 300 mila euro. Ce la farà a pagare e a garantire gli stipendi a tutti i dipendenti comunali? Oppure ora ad essere "a rischio" saranno loro? Il 27 del mese è ancora distante...ma le preoccupazioni iniziano a farsi sentire, nonostante le rassicurazioni dell'amministrazione per i dipendenti dei servizi educativi che fanno capo alla neonata azienda speciale "Crescere Insieme". La speranza sta nel viaggio del sindaco, Rita Rossa, venerdì a Roma. Oltre alle questioni legate al dissesto, il primo cittadino dovrà davvero "andare a batter cassa", per salvare le partecipate e i loro lavoratori. Intanto un nuovo incontro tra sindacati e primo cittadino è previsto, questa volta a Palazzo Rosso, per lunedì 24 settembre. 

20/09/2012

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 403: sul Monte Tobbio partendo da Voltaggio
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 273: da Grondona a Persi attraversando la valle Spinti
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Sentiero 260: da Pertuso a Roccaforte attraversando la val Borbera
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Salernitana-Alessandria, il dopo partita
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sentiero 245: sul Monte Antola partendo dalla val Borbera
Sentiero 200: sul Monte Giarolo partendo dalla val Borbera
Sentiero 200: sul Monte Giarolo partendo dalla val Borbera
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Sicurezza, immigrazione e disabilità: intervista all'assessore Alessandro Rolando
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Piazze affollate per gli eventi dell'estate alessandrina
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Monica Massone, il teatro e lo spettacolo Solo una vita
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione
Riccardo Bellini e Benedetta Pallavidino, vincitori del premio Ferrero 2015, parlano della nuova edizione