Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Provincia

Provincia: 245 di troppo, ma regna ancora il caos

Definito, in via provvisoria, il numero di dipendenti in eccedenza sulla base delle risorse disponibili. Venerdì un incontro dell'osservatorio regionale per dare indicazioni sui criteri di determinazione. I sindacati: “siamo nel caos, alta preoccupazione”
PROVINCIA - Ad aprile 2014, un anno fa, erano 627 i dipendenti della Provincia di Alessandria, 24.915.765 euro le risorse impegnate sul capitolo di spesa relativo agli stipendi. Entro il primo aprile 2015 le risorse saranno dimezzate. La Provincia non potrà spendere più di 12.450.000 euro per mantenerle. Metà soldi, metà personale.
“Dai dati forniti in una recente riunione con le rappresentanze sindacali – spiega Fabrizio Sala, segretario provinciale del pubblico impiego della Cisl – le 'eccedenze' (ossia il personale da sistemare altrove, attraverso la mobilità interna o che passeranno alle dipendenze della Regione, ndr) sono 245”. Un numero pari ai dipendenti di una grande azienda.
Dal computo, però, sarebbero esclusi i dipendenti in forze alla Polizia Provinciale e quelli assegnati alle funzioni che saranno prese incarico dalle regioni.
Il numero di esuberi, quindi, potrebbe ridursi ulteriormente. Per loro si aprirà la mobilità interna per tre anni, per un ricollocamento in altri enti, regione o comuni.
“Anche se ce ne fosse uno solo per noi sarebbe troppo”, commenta Fabrizio Sala.
Il presidente Rita Rossa ha intanto firmato il decreto per l'individuazione non nominativa delle quantità di personale in “sovrannumero o eccedario”. Per l'individuazione nominativa, cioè chi dovrà essere accompagnato alla porta, si attendono ulteriori linee guida che potrebbero arrivare dall'osservatorio regionale programmato per domani, venerdì, e da quello nazionale.
“Ad oggi regna ancora un grande caos e la preoccupazione tra i dipendenti è crescente”, ammette il sindacalista.
Le Rsu, rappresentanze sindacali unitarie, saranno nuovamente convocate subito dopo la riunione dell'osservatorio.
In ogni caso, c'è un ritardo nei tempi di attuazione della legge Del Rio e della successiva legge di stabilità, per tutte le Province e non solo quella di Alessandria. L'individuazione delle eccedenze avrebbe dovuto essere comunicata entro febbraio. Al 31 marzo c'è, da calendario, la definizione dei criteri e delle procedure di individuazione da destinare alle procedure di mobilità e del riassetto organizzativo, previa emanazione di un decreto ministeriale che, ad oggi, non c'è. Sempre il 31 marzo scadrebbe anche l'iter legislativo regionale di riordino delle funzioni, nonché il piano di riassetto economico.
26/03/2015

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Maurizio Landini alla Festa d'Aprile
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani