Villalvernia

La giunta alle prese con il bilancio

Oltre allo schema dei servizi a domanda individuale, la giunta di Villalvernia ha approvato il bilancio 2016-2018, con entrate e spese pari a 1 milione e 900 mila euro e un fondo cassa finale presunto di 73 mila euro circa
VILLALVERNIA - Che in alcuni casi le spese per il mantenimento di un servizio siano per le casse comunali superiori alle entrate non è una novità. Lo dimostra anche lo schema dei servizi a domanda individuale appena approvato dalla giunta di Villalvernia.

I servizi a domanda individuale – mensa scolastica, acquedotto, illuminazione nei cimiteri, solo per citarne alcuni – racchiudono tutti quelli forniti e gestiti direttamente dall’ente comunale. Nel caso di Villalvernia, rientra anche il micronido comunale che, in base al prospetto del 2016, ha 46 mila euro di entrate e 65.500 euro di uscite. Lo stesso vale per lo scuolabus (qui le entrate sono pari a 10 mila a fronte dei 21 mila euro spesi), per la mensa (19 mila contro 26 mila euro) e per l’acquedotto. Oltre allo schema dei servizi a domanda individuale, la giunta ha anche approvato il bilancio 2016-2018, con entrate e spese pari a 1 milione e 900 mila euro e un fondo cassa finale presunto di 73 mila euro circa.
27/03/2016
Lucia Camussi - l.camussi@ilnovese.info