Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione
Novi Ligure

L'ippodromo e il giallo della convenzione con il Comune

L’ippodromo Romanengo è stato individuato nel piano di protezione civile come punto di raccolta della popolazione in caso di emergenza. Non ci sarebbe nulla di strano se non fosse che l’ippodromo è privato e che la necessaria convenzione fra Comune e proprietà non c’è
NOVI LIGURE - L’ippodromo Romanengo è stato individuato nel piano di protezione civile come punto di raccolta della popolazione in caso di emergenza. Non ci sarebbe nulla di strano dal momento che nel documento vengono segnalate le aree in cui vengono radunati i mezzi di soccorso e i cittadini, se non fosse che l’ippodromo è privato e che la necessaria convenzione fra Comune e proprietà non c’è. La questione è emersa, lunedì sera, in consiglio comunale durante proprio l’approvazione del piano.

Il capogruppo del Movimento 5 Stelle, Fabrizio Gallo ha posto l’attenzione su questo punto. A tale riguardo l’assessore Stefano Gabriele ha ribadito che, per quanto è a sua conoscenza, la convenzione ci sarebbe. A smentirlo però ci ha pensato direttamente il proprietario della struttura, Claudio Ricci.
Sulla questione è intervenuta anche Maria Rosa Porta, capogruppo del Movimento Civico Popolare: "Non si può inserire in un piano che il consiglio comunale deve approvare un’area privata da utilizzare se poi la convenzione non c’è. Il documento deve essere ben definito, non possiamo fare delle approssimazioni".

Il sindaco Rocchino Muliere ha cercato di dribblare il problema asserendo che il piano è uno strumento di pianificazione e "qualora fosse necessario si attuerà la convenzione, fermo restando che in caso di emergenza sindaco e prefetto possono requisire mobili e immobili". Il sindaco ha sottolineato che la maggior parte delle aree individuate sono pubbliche, tranne l’ippodromo e il piazzale del Bennet e che "comunque questo non impedisce al consiglio comunale di approvare il piano".

Sul piano di protezione civile è intervenuto anche il consigliere comunale Luigi Gambarotta (M5s). "Stiamo esaminando un piano che consta di più di 300 pagine ma ci sono argomenti non trattati come ad esempio l’individuazione delle vie di fuga in caso di terremoto. Serve una cartellonistica speciale nelle strade".

Al momento del voto Porta ha abbandonato l’aula, rimarcando con questo gesto il suo disappunto non solo riguardo al piano di protezione civile ma anche sulla questione della farmacia comunale. Alla fine il piano di protezione civile è stato approvato con 13 voti a favore: oltre alla maggioranza, hanno votato sì anche i consiglieri Costanzo Cuccuru e Marco Bertoli. I grillini si sono astenuti.

[Gli altri argomenti all'ordine del giorno verranno trattati negli articoli che verranno pubblicati nei prossimi giorni].
 
 
29/04/2015
Marzia Persi - m.persi@ilnovese.info

Versione stampabile   Invia articolo a un amico   Scrivi alla redazione


 
blog comments powered by Disqus

Facebook


Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Centri sportivi: dalla Giunta la proposta per la ricerca di un partner privato
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Alessandria-Arezzo 2-3. Le foto di Gianluca Ivaldi
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Inaugurato il nuovo laboratorio di chimica organica all'Istituto 'A.Volta'
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Viaggio nel mondo della sicurezza con l'Ispettorato del Lavoro di Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Da Osaka ad Alessandria
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Bimbi in maschera e dolci sorprese per il Carnevale
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: le premiazioni
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Carnevale al Cristo: la sfilata in corso Acqui
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Droghe e alcol: impennata di consumo fra i più giovani
Case vuote, persone senza casa
Case vuote, persone senza casa